Alessandro Secchi

SEVEN Se Lorenzo mi prova la Mercedes...

Se Lorenzo mi prova la Mercedes...
di 06 ottobre 2016, 18:00

Mi ha sempre incuriosito lo scambio tra piloti di due e quattro ruote dei rispettivi mezzi. Piloti di moto che si sdraiano in auto e piloti di auto che sentono il vento addosso non più protetti dai propri abitacoli.

Negli ultimi anni il più famoso e pubblicizzato test è stato quello di Valentino Rossi con la Ferrari al Mugello, a bordo della F2008. Anzi, a quanto pare in quel periodo si trattò di un percorso vero e proprio per saggiare l'eventualità di un passaggio del 46 nel Circus di Ecclestone. Ma ce ne sono stati altri. Sempre con la Ferrari era stato Biaggi a provare, anni addietro, a Fiorano. Schumi provò la Ducati al Mugello. Ne dimentico sicuramente altri.

Chi ci perde in questo scambio, immagino, è chi le due ruote le perde per strada. Credo sia ben più difficile passare dalle auto alle moto che viceversa, ma purtroppo non ho avuto modo se non di immaginarmi la scena. Mi rifaccio all'utenza stradale: molto meglio esser protetto quasi ovunque che in balia di qualsiasi cosa.

Bene, mi giunge info (come da Tweet seguente) che Jorge Lorenzo si è sdraiato niente di meno che nelle forme della Mercedes W05, la prima Freccia d'Argento titolata di Lewis Hamilton. Vetturetta qualunque, proprio, visto che si tratta di uno dei primi tre missili terra-terra che ammazzano il campionato dal 2014.

Ovviamente, come regola FIA impone, Lorenzo è potuto scendere in pista con una monoposto vecchia di almeno due anni. Ma direi che sicuramente non ha fatto complimenti. Chissà quando toccherà a Lewis provare la Yamaha, a questo punto.

La realizzazione di questo test ha avuto come denominatore comune la Monster, sponsor di Lorenzo e della Mercedes, che ha fatto da tramite affinché il sogno dello spagnolo (e che sogno, direi) si potesse esaudire. Il ragazzo (armato di casco Schuberth, ben diverso dallo Shark che utilizza in MotoGP) è sceso in pista a Silverstone per una serie di giri di cui non si hanno, al momento, riferimenti.

Poco importa questo, direi. L'importante è che si sia divertito lui, e a giudicare dal Tweet...

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.