Alessandro Secchi

SEVEN Lo ricorderemo così. Incoerenti, ipocriti e pure ritardatari

Non è la penalità a Vettel che deve indignare, ma il mandarlo a podio di corsa per poi levarglielo di 31 ottobre 2016, 08:35
Lo ricorderemo così. Incoerenti, ipocriti e pure ritardatari

Dev'esserci qualcosa di sadico nello spegnere l'illusione di decine di migliaia di tifosi messicani sugli spalti relativamente alla credibilità della F1.

Ora: io sono andato a letto a mezzanotte e mezza dopo aver commentato a caldo quanto successo in Messico. Il sonno è già pesante quando, due ore e mezza abbondanti dopo la fine della gara, anche Vettel viene arretrato e il podio, dopo essere stato di Verstappen e Sebastian, diventa di Ricciardo.

Nel pezzo di poche ore fa avevo scritto "Ad Austin i catechisti istituiscono il Verstappen Law: i vecchi gli remano contro perché è un pericolo pubblico, Whiting si sveglia dopo sette mesi dal letargo stagionale e avvisa che le difese ostiche con cambio di traiettoria in frenata saranno giudicate con più severità. Vettel si comporta tecnicamente nello stesso modo con Ricciardo chiudendolo in frenata, l'azione viene investigata e finisce tutto a tarallucci e vino". Perché tre ore dopo il termine della gara credevo che ormai, dopo averlo mandato sul podio, non sarebbe stato ritirato giù di forza. Invece no, devo e dobbiamo abituarci all'idea che qui bisogna aspettare mezza giornata prima di aggiornare classifiche e postare un articolo. Bene.

Ritorno al discorso della coerenza e mi rifaccio a quanto scritto nella bloggata precedente. E cerchiamo di essere oggettivi anche se si parla di una Ferrari. Per quanto questa nuova pseudo regola sulle difese sia ipocrita, figlia dei lamenti dei piloti perché Whiting non si era accorto del Verstappen mode in difesa dall'inizio dell'anno, Vettel con Ricciardo ha fatto proprio quello di cui si era discusso e che la nuova pseudo normativa non permette. E pertanto, per coerenza e a rigor di logica, andava penalizzato dato che lui stesso è stato tra quelli che hanno condannato questo comportamento dieci giorni fa.

Quello che fa ridere di grasse risate e piangere lacrime amare allo stesso tempo è che Vettel è stato inizialmente mandato di fretta e furia sul podio a festeggiare per poi essere a sua volta depredato del gradino sotto i piedi. Mi chiedo con somma ignoranza come sia possibile decidere su Verstappen con relativa fretta per poi metterci tre ore con una manovra di cui si è discusso solo dieci giorni fa. Significa, semplicemente, non avere idea della materia di cui si sta parlando e guardando. Non lo so, forse i messicani truccati in tribuna hanno distratto qualcuno, ma tutto questo è assurdo. Sarebbe stato molto meglio mandare a podio chi era giunto terzo in pista e poi, con calma, rivedere tutto. Non prendere una decisione di fretta, far vedere di essere dei geni e poi ricambiare idea a sera.

Altra nota è che la difesa di Vettel su Ricciardo, per la quale Seb è stato penalizzato, è giunta a seguito di un taglio di pista per il quale Verstappen è stato sanzionato e lo stesso Vettel è stato rallentato, permettendo quindi a Ricciardo l'attacco. Questa è un'attenuante che evidentemente non è stata considerata (non ci avranno nemmeno pensato, figuriamoci). Detto questo, ogni settimana c'è spazio in più per strabuzzare gli occhi davanti a chi è totalmente incapace di tenere le redini di un regolamento.

Assurdo è che non ci siano commissari in grado di giudicare con coerenza lo stesso episodio a distanza di un'ora (i tagli di Hamilton e Verstappen), assurdo è che ci vogliano prima pochi minuti e poi tre ore per decidere cosa decidere (e scusate il gioco di parole), assurdo ancor di più è che i regolamenti vengano cambiati in corso d'opera per le lamentele di qualche pilota su comportamenti in pista che poi vengono riproposti proprio da chi ha ne ha preso le distanze.

Il risultato di tutto questo, come mi capita di leggere da settimane, è che la gente è sempre più stanca di questa rappresentazione scenica. Per continuare a seguire non bisogna nemmeno più essere appassionati, bisogna essere eroi.

Iscriviti al nostro Gruppo Facebook per commentare questo e gli altri nostri articoli


15 commenti

Prendi parte alla discussione
  1. Bruno Grieco
    #1 Bruno Grieco 31 ottobre, 2016, 17:24

    Visto che ormai il secondo posto nel mondiale costruttori è andato,sarebbe bene non partecipare alle altre due tappe del circo equestre

  2. Fabio Romeo
    #2 Fabio Romeo 31 ottobre, 2016, 13:48

    Più che eroi per seguire la F1 si dev'essere idioti...dovremmo tutti prendere la decisione di non seguirla piu...magari fallirebbe e rinascerebbe migliore...

  3. karoldo64
    #3 karoldo64 31 ottobre, 2016, 13:27

    ci vorrebbe anche una regola che punisca sporchi giochi di squadra come questi, come avrebbe dovuta essere punita la McLaren a Spa 98 e ad Indy 2000 (ci pensò invece il grande Kaiser ed il  karma), ma anche la combutta McLaren-Williams a Jerez 97
    mi scuso se ora ricordo solo gli episodi riguardanti la rossa...

  4. Davide Giaroli
    #4 Davide Giaroli 31 ottobre, 2016, 12:38

    "Per continuare a seguire non bisogna più essere appassionati, bisogna essere eroi". Proprio così, infatti io non guarderò le ultime due corse e mi pare di capire non sarò l'unico

  5. Paolo Bellandi
    #5 Paolo Bellandi 31 ottobre, 2016, 11:31

    Mi torna alla mente il GP del Brasile 2003, che fu interrottoin anticipo; inizialmente la vittoria fu attribuita a Raikkonen, sbagliando ad aggiornale la classifica al giro corretto. Al GP successivo fu poi allestito un tristissimo podio per premiare Fisichella!
    E' sicuramente un paragone che ha poco a che fare con le vicende di ieri, però qualche dubbio sulla professionalità e la competenza di chi è deputato a vigilare la fa venire!

  6. Nino Brusciano
    #6 Nino Brusciano 31 ottobre, 2016, 11:11

    Condivido pienamente con marco sta diventando un indecenza

  7. Angelo Babbaro
    #7 Angelo Babbaro 31 ottobre, 2016, 10:42

    Alessandro, mi dispiace, ma questo articolo è pieno di retorica e proprio non riesco a condividerlo.
    Difatti, poi, a distanza di un'ora, più che "tarallucci e vino", ti hanno praticamente smentito facendola pagare a Vettel alla prima manovra "verstappiana". Che poi di azione ben più pulita e con il giusto spazio lasciato...si vedano i replay.
    Inutile farsi tutte queste "pippe" filosofiche che tirano giù parole e righe di scritto, quando uno (fra tanti) dei problemi maggiori è piuttosto evidente e di semplice riconoscimento: comissione di gara unica e uguale per tutti i GP! Regole uguali, decise e imposte all'inizio del campionato, che favoriscano una battaglia corretta ma spettacolare!
    Su dai.....

  8. Massimo Casati
    #8 Massimo Casati 31 ottobre, 2016, 10:16

    Si ma Hamilton? È ovvio che se arrivi lungo e tagli la chicane nessuno ti passa.

  9. Gabriele Lucchetti
    #9 Gabriele Lucchetti 31 ottobre, 2016, 10:05

    Charlie si è offeso per il team radio finale..

  10. Pàtrì Patrizia Isernia
    #10 Pàtrì Patrizia Isernia 31 ottobre, 2016, 09:42

    Quel bamboccio di Max era da bandiera nera ...

  11. Luigi Simone
    #11 Luigi Simone 31 ottobre, 2016, 09:35

    Alessandro, c'è da dire che la "chiusura" in staccata è stata pulita. Ricciardo lo spazio lo ha avuto sia in frenata sia per affrontare la curva. Il problema nasce dal vantaggio tratto dalla scorrettezza del compagno di squadra. È una vergogna!

  12. Marco Tossani
    #12 Marco Tossani 31 ottobre, 2016, 09:25

    È una farsa oramai. Mi ha frantumato le bolas. Ho deciso non.la guarderò più e diventato uno spettacolo indecente!!!!

  13. Paolo Cerini
    #13 Paolo Cerini 31 ottobre, 2016, 09:14

    La Ferrari dovrebbe ritirarsi dalle ultime due gare, così contiamo i tifosi Redbull, in particolare quelli del ragazzino.

  14. Paolo Cerini
    #14 Paolo Cerini 31 ottobre, 2016, 08:57

    Mi domando: in un mondo senza regole certe, al posto di Vettel, cosa avreste fatto? Ha avuto più penalità lui del "ragazzino"...non so, vedete voi, io sono stanco di tutto. Questa "incoerenza"è iniziata con l'incidente di Bianchi e non ha avuto più fine. Ciao Jules, sempre nel mio cuore.

  15. FrancescoFerrandino
    #15 FrancescoFerrandino 31 ottobre, 2016, 08:57

    Più che appassionati o eroi, bisogna essere profondi masochisti o superficiali spettatori...

Solo gli utenti registrati possono commentare.