Alessandro Secchi

SEVEN Lewis, il fumo, i fantasmi, un destino ancora da scrivere

di 02 ottobre 2016, 12:20 Condividi
Lewis, il fumo, i fantasmi, un destino ancora da scrivere

40° giro del Gran Premio della Malesia 2016. Ti chiami Lewis Hamilton, sei il campione del mondo in carica, stai vincendo il Gran Premio in controllo e il tuo compagno, azzoppato in partenza e rispedito in fondo da un inaspettatamente alleato Vettel, è dietro, perde punti, tornerà dietro in classifica.

Insomma, si configura la giornata ideale per rimettere a posto le cose: perché la tua regola prevede di essere sempre davanti, baciato da Dio, nel mito di Ayrton, imprendibile, intangibile nella sua leggenda.

Poi è un attimo: fumo. Non è nebbia, tanto meno calura. Fumo denso, bianco, fiamme. L'occasione sfugge, si trasforma in disfatta. Le mani sul casco, mentre le Red Bull sfilano, soprattutto mentre l'altro, l'innominabile, sfila.

Scendi, t'incazzi, pensi che Vettel si ti ha aiutato ma forse poteva farlo meglio. Torni ai box col casco in testa, esci a salutare i fan dal box, sorridi ma dopo la Mercedes sei tu che fumi, dalle orecchie. Non ci vedi più, dici che qualcosa o qualcuno questo titolo non vuole fartelo vincere, alludi al fatto che su otto motori tedeschi solo il tuo s'è fermato.

È qui che caschi ancora nel tranello, Lewis: quello di crederti vittima di un complotto mistico, un gigantesco disegno che vuole premiare il tuo compagno, un destino già segnato che vuole vederti soccombere, non raggiungere quella 50a vittoria che aspetti da tanto, non vincere il quarto titolo.

No Lewis, così non va, è vero. Ma non va per te: perché se invece di pensare solo ai flussi negativi intorno al tuo mondo ti concentrassi per trasformare tutto questo in tensione positiva, faresti prima di tutto un favore a te stesso, e daresti un'immagine migliore di te a chi, come me, ti segue da fuori. Nella vita di un campione ci sono momenti alti e momenti bassi. Quello di oggi, per te, è bassissimo e me ne dispiace perché la gara era tua, ma se sei un Campione, di quelli con la 'C' maiuscola, i complotti devono restare altrove. 10 anni fa un motore mandava in fumo del tutto i sogni mondiali di uno Schumi già a quota 7. E lui reagì sorridente salutando e abbracciando i suoi meccanici.

Questo, da te, ci si aspetta. Cancellare i fantasmi, smetterla di sentirti il Calimero o il Paperino della situazione e pigiare su quel fottuto pedale destro, perché quando lo fai si vede eccome. Il destino non è solo quello che viene scritto per noi, è anche quello che siamo noi stessi a scrivere. Vincere è bello ma non sempre accade, perdere è molto più istruttivo se lo si fa accettando la sconfitta senza vedere ombre intorno a sé.

Come on Lewis, see you in Japan.

22 commenti

Prendi parte alla discussione
  1. Annalisa Stenech
    #1 Annalisa Stenech 2 ottobre, 2016, 21:18

    Io non scomoderei RE Schumy....insomma diciamo che la differenza tra i due e davvero abissale

    Reply this comment
  2. GiuseppeRuffolo
    #2 GiuseppeRuffolo 2 ottobre, 2016, 16:27

    "Non ci vedi più, dici che qualcosa o qualcuno questo titolo non vuole fartelo vincere, alludi al fatto che su otto motori tedeschi solo il tuo s'è fermato.
    È qui che caschi ancora nel tranello, Lewis: quello di crederti vittima di un complotto mistico, un gigantesco disegno che vuole premiare il tuo compagno, un destino già segnato che vuole vederti soccombere, non raggiungere quella 50a vittoria che aspetti da tanto, non vincere il quarto titolo."

    mi ricorda Sepang 2015 Motogp

    Reply this comment
  3. Danilo Rubot
    #3 Danilo Rubot 2 ottobre, 2016, 14:28

    Campione per me vuol dire essere sportivo....in quell'epoca noiosissima della F1 l'unico campione è stato Hakkinen che non si è mai macchiato di scorrettezze in pista. Su cosa siano le scorrettezze chiedere a Hill, Villeneuve ecc.

    Reply this comment
  4. Francesco Ferraro
    #4 Francesco Ferraro 2 ottobre, 2016, 14:12

    Solo il tennista N°1 al mondo 😉

    Reply this comment
  5. Nunzio Faranda
    #5 Nunzio Faranda 2 ottobre, 2016, 14:11

    Io non ho detto che non sia forte e un bravo pilota ma parla troppo nel 2014 a Rosberg ti ricordi cosa è successo e non parla lui subito non mi vogliono far vincere il mondiale e un viziato ricordi il re della f1 che ha perso il suo 8 titolo per causa che ha fuso il motore e dopo gli hanno pure bucato una gomma e ne ha persi più di uno ha causa della Ferrari ma è andato ad abbracciare i suoi meccanici questo è essere un campione non contano solo i titoli

    Reply this comment
  6. Andrea Pomella
    #6 Andrea Pomella 2 ottobre, 2016, 14:09

    Ho capito solo il concetto, per il resto non so nemmeno chi sia.....

    Reply this comment
  7. Francesco Ferraro
    #7 Francesco Ferraro 2 ottobre, 2016, 14:08

    Un po' come Djokovic: quando vince è bravo lui, quando perde è colpa dell'angolo...

    Reply this comment
  8. Mirko XiaoMi
    #8 Mirko XiaoMi 2 ottobre, 2016, 14:05

    La democrazia dietro una scrivania ed un pc crea più disastri di Chernobyl. Peggio che Sky.

    Reply this comment
  9. Aurora Cozzi
    #9 Aurora Cozzi 2 ottobre, 2016, 14:05

    Si possono vincere titoli mondiali, anche tanti, ma ciò può non fare di te un campione...quella è una storia che va aldilà delle vittorie, campioni lo si è nel cuore e nella passione

    Reply this comment
  10. Danilo Rubot
    #10 Danilo Rubot 2 ottobre, 2016, 14:04

    Certo, perché 21 gp vinti in mclaren, 1 titolo mondiale vinto ed un altro sfiorato non si ricordano, vero? ...e la mclaren non era certo la miglior macchina o un "missile". Capisco essere tifosi ferraristi ma un minino di obiettività non guasterebbe

    Reply this comment
  11. Nunzio Faranda
    #11 Nunzio Faranda 2 ottobre, 2016, 13:58

    Barrichello era bravo era schiumi che era di un altro pianeta vedi i sorpassi che ha fatto Barrichello Hamilton e bravo nulla togliere ma ha un missile superiore ma superiore ha tutti e le sta prendendo anche dal suo compagno di scuderia quindi è bravo ma vedremo in futuro quando avrà un auto normale se farà la differenza poi sono punti di vista

    Reply this comment
  12. Danilo Rubot
    #12 Danilo Rubot 2 ottobre, 2016, 13:53

    Beh se pensi che Barrichello sia superiore ad Hamilton non perdo nemmeno tempo a provare a risponderti

    Reply this comment
  13. Mirko XiaoMi
    #13 Mirko XiaoMi 2 ottobre, 2016, 13:51

    Eh ma Schumi non avrebbe mai scritto su Facebook i propri sentimenti!!1!1! Schumi unico vero campione.

    Reply this comment
  14. Nunzio Faranda
    #14 Nunzio Faranda 2 ottobre, 2016, 13:51

    Pensi che Barrichello sia inferiore ad Hamilton caro mio senza macchina solo schiumacher ha fatto la differenza gli altri con i missili sono bravi ma senza quelli non fanno niente tipo Alonso che ormai si fa le passeggiate

    Reply this comment
  15. Danilo Rubot
    #15 Danilo Rubot 2 ottobre, 2016, 13:39

    I compagni di Schumacher sono stati Irvine e Barrichello....quelli di Hamilton, Alonso e Rosberg...le conclusioni le lascio a chi ha un minino di obiettività

    Reply this comment
  16. Andrea Grillo
    #16 Andrea Grillo 2 ottobre, 2016, 13:37

    Leggo insulti pesanti al team.

    Reply this comment
  17. Mirko XiaoMi
    #17 Mirko XiaoMi 2 ottobre, 2016, 13:11

    Qui ha salutato e ringraziato i meccanici. Mi dispiace per chi si aspettasse una grigliata o una giornata della memoria. Può aver detto quello che gli pare, la frustrazione è lecita nel dopo gara, ma nelle sue frasi non ha attaccato i meccanici o sbaglio?

    Reply this comment
  18. Franx Peenk JeKo
    #18 Franx Peenk JeKo 2 ottobre, 2016, 13:03

    E lui ti ha controrisposto con le dichiarazioni di Hamilton rilasciate alla stampa dopo la bella foto di rito per il reparto PR della Mercedes.
    Se vai a fare il compagnone con i meccanici e poi insinui che la tua stessa squadra (Di cui quei meccanici fanno parte) sta complottando contro di te, o sei un povero fesso o un ipocrita.
    Schumacher ha dominato come un campione e ha perso come un Signore. Hamilton sa vincere, ma non sa perdere.

    Reply this comment
  19. Mirko XiaoMi
    #19 Mirko XiaoMi 2 ottobre, 2016, 12:54

    La foto con cui ho risposto era in riferimento alla frase "10 anni fa un motore mandava in fumo del tutto i sogni mondiali di uno Schumi già a quota 7. E lui reagì sorridente salutando e abbracciando i suoi meccanici".

    Reply this comment
  20. Andrea Pomella
    #20 Andrea Pomella 2 ottobre, 2016, 12:46

    Schumacher era di un'altro pianeta... come pilota e anche caratterialmente... lui non accetta perdere.... esiste solo la vittoria... per il resto le colpe sono altrui... in questo caso di mercedes.... come se il suo motore fosse differente..... non mi è mai piaciuto, mai mi piacerà.... assomiglia troppo a Alonso e Verstappen.... i campioni, quelli veri, senza scomodare il Kaiser che ne è il RE.... sono altri.... sono anche campioni di umiltà.... e i tre sopracitati non la hanno nemmeno in fondo alle scarpe.....

    Reply this comment
  21. Mirko XiaoMi
    #21 Mirko XiaoMi 2 ottobre, 2016, 12:38

    https://www.instagram.com/p/BLDdttHB7Qi/ di cosa stiamo parlando? Basta con il vino, su.

    Reply this comment
  22. Paolo Cerini
    #22 Paolo Cerini 2 ottobre, 2016, 12:32

    Schumi era un grande anche nelle avversità. Unico!

    Reply this comment

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.