Le 10 Pillole del GP del Canada 2015

Le 10 Pillole del GP del Canada 2015
di 10 giugno 2015, 11:30

Veloce va Luigino Hamilton che vince giocando al gatto col topo con Nico Ros(ico)berg, veloce vado io per questa edizione fast delle Pillole, colpevolmente in ritardo, per uno dei GP più soporiferi degli ultimi 754 anni.

Foto di copertina dedicata a Felipe Nasr: scoprirete più avanti il perché.

Via con le Pillole:

01 | La marmotta: premio coraggio alla super marmotta che attraversa di corsa la pista mentre sopraggiungono le monoposto. La Mclaren l'ha già assunta come nuova versione dell'MGU-K da montare sulla MP4-30.

02 | Pastor Maldonado: non si schianta nelle libere, si piazza sesto in qualifica, al via non annienta nessuno, arriva settimo. Per finire, l'unica penalità Lotus la prende Grosjean. Ora capiremo il perché dei prossimi dieci Indipendence Day.

03 | Felipe Nasr: si rende protagonista di una vaccata al sabato mattina che manco Coulthard quando si ribaltava in corsia box o nei giri di ricognizione. Ma il bello è che tenta di nascondersi girando per il paddock con la maschera di Rey Mysterio, campione del Wrestling, come da foto di copertina.

04 | Lewis Hamilton: non lo citiamo per la vittoria ma per la crudeltà con la quale sfotte Rosberg per tutta la gara. Classico atteggiamento da senza cuore. Tipo le ragazze che te la fanno annusare profondamente da vicino senza dartela mai. Ci siamo intesi?

05 | Nico Rosberg: lui fa la parte di quello che annusa, annusa, ma non la becca mai. Quello che si impegna, taglia la barba quattro volte al giorno, regala i fiori, dona il sangue per comprare anelli, ma alla fine la prende in saccoccia. Ci siamo intesi anche qui?

06 | Kimi Raikkonen: Arrivabene è pronto a scalargli dallo stipendio i medicinali per la pressione alta. Prima, al sabato, lo inorgoglisce con un terzo posto che profuma di podio, poi la domenica lo fa incazzare con un testacoda che puzza di gomma bruciata. Mannaggia a lui.

07 | Sebastian Vettel: basta con la censura. Vogliamo sapere cosa ha detto il ditino dopo essere finito fuori dalla Q1. Una volta tanto che possiamo divertirci, ci mettono i "beep" nei team radio. VOGLIAMO LA VERITA', altrimenti cosa paghiamo a fare abbonamenti e quant'altro?

08 | Fernando Alonso: "Semo dei cazzari". Più o meno questo il senso della risposta nel team radio con la squadra, che gli chiede di risparmiare benzina durante una gara in cui anche la sopracitata marmotta ha dimostrato di averne di più in condizioni normali. Fernà, che anno è adesso?

09 | Romain Grosjean: l'osmosi lo colpisce e per una volta si Maldonalizza lui, dando la colpa a Stevens di un incidente che invece provoca lui nella più classica delle manovre Pastorizzate, oltretutto protette da copyright rigidissimo che dovrà pagare al proprietario.

10 | Jenson Button: nella prossima puntata di Mistero, verrà svelato il segreto di Jenson Button, eroe moderno che di fronte alla più raggelante Mclaren mai costruita riesce a non perdere le staffe (perché le perde già la macchina). Potere di una fi...siologica pratica yoga?

FUORI CONCORSO | BERND MAYLANDER: Si arriva in Canada, meta ideale per le Safety, e cosa succede? Niente. Maldonado non fa brillare l'isola di Notre Dame, la marmotta attraversa a 250 all'ora senza provocare incidenti, la pioggia arriva solo al venerdì. Tutto moralmente ingiusto per un uomo della levatura del Nostro.

MENZIONI SPECIALI

"Ma sì, le intermedie bastano": avranno pensato questo i meccanici Mercedes mandando in pista Rosberg e Hamilton, al venerdì pomeriggio, senza accorgersi che l'asfalto non si distingueva più dal bacino d'acqua in cui è incastrata l'isola di Notre Dame. Vorremmo ascoltare il team radio di Hamilton dopo l'inevitabile botto con le gomme.

Nico le prova tutte: avrete notato il 'pilota' del trattore che, nel rimuovere la Mercedes di Hamilton dopo l'incidente sull'acqua, sballotta per bene la monoposto avanti e indietro cercando di ridurla una Smart. Secondo voi di chi è amico il ragazzo?

Seb e la rossa: non la Ferrari, ma la bandiera di cui se ne stra-sbatte allegramente nelle libere, superando una Manor e beccandosi altre 5 posizioni di penalità in griglia. Giusto per non farsi mancare nulla ed essere sicuro di partire dal fondo.

Rifornimenti sì, poi no: per la serie "siamo tutti d'accordo" ecco il dietro front sul ritorno dei rifornimenti in gara per il 2017. Come al solito, coerenza e chiarezza la fanno da padrone in un mondo poco politicizzato, poco accecato dai soldi, poco incline a prendere per il diffusore i tifosi.

Prossimo appuntamento per le pillole austriache.

Saluti!

Condividi

1 commento

Prendi parte alla discussione
  1. Roberto
    #1 Roberto 10 giugno, 2015, 18:37

    Nico Ros(ico)berg, si Maldonalizza, manovre Pastorizzate :-))))
    Grande Ale ogni volta mi fai morire dal ridere

    Reply this comment

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.