Alessandro Secchi

SEVEN Kvyat: Il fu "pericolo pubblico"?

Il russo, minaccia per molti ai tempi Red Bull, passa in rosso anche se da development driver. Ed ora chi lo criticherà?
Kvyat: Il fu
di 10 gennaio 2018, 22:45

C'era un tempo non molto lontano in cui Daniil Kvyat era visto come il diavolo.

Stagione 2016, Cina e Russia. In quattro e quattro otto due incidenti con Vettel: il primo senza colpe, il secondo con molte. Il russo che parla italiano meglio di molti italiani diventa praticamente l'obiettivo numero uno degli improperi e degli insulti della frangia più estrema dei tifosi della Ferrari, che gli intestano anche il buco dell'ozono, il surriscaldamento globale e il ciuffo di Malgioglio. 

Per coincidenza, la gara di Sochi è l'ultima in Red Bull di Daniil, che dopo aver battuto in classifica un tale Daniel Ricciardo nel 2015 ed aver ottenuto il primo podio dell'anno per le lattine proprio a Shanghai nel 2016, viene retrocesso in Toro Rosso per far posto a Max Verstappen, in arrivo proprio da Faenza. Il che porta all'olandese un fondoschiena mica male, soprattutto legato non si sa per quale legge chimica alle retrocessioni di Kvyat. Max vince la prima gara della carriera dopo lo scambio di vettura tra lui ed il russo a Barcellona. In Malesia, nel 2017, Gasly prende in mano la Toro Rosso di Daniil e Max vince. Stessa cosa in Messico, quando sulla STR12 sale definitivamente Hartley. Al di là delle coincidenze, Kvyat subisce il colpo e resta parecchio appannato: si barcamena in qualche modo nella restante parte del 2016 ma fallisce in modo netto nel 2017 nel confronto con Sainz, il tutto con leggera goduria di alcuni ferraristi che vedono la situazione come un risarcimento divino per le Grandi Malefatte.

La notizia dell'approdo in Ferrari nel ruolo di development driver sembra quasi uno scherzo, pensando appunto a chi per mesi ha mostrato il peggio di sé nei confronti del russo per due incidenti. Certo, tra terzo pilota e development driver non so cosa sia peggio. Mi sembrano, onestamente, entrambi ruoli da prepensionamento, che nel paese in cui in pensione non ci vai se non passando dalla tomba fa anche sorridere. A meno che non si faccia politica, ovviamente.

Per chiarire: intendo dire che una volta entrato in quel tunnel o cambi categoria per rifarti una carriera o tendenzialmente non ne esci. E se, come Kvyat, devi ancora compiere 24 anni beh... scelta condivisibile per il blasone del team ma non se vuoi farti strada, a mio modo di vedere.

Che poi, secondo me, Kvyat fino al doppio crash del 2016 aveva meritato eccome la carriera che stava portando avanti: crescita nelle categorie minori, il passaggio in Toro Rosso dalla GP3 nel 2014 e subito la promozione in Red Bull con un 2015 davvero sorprendente. Ma si sa, basta poco per rovinare tutto, anche un po' di sfiga nell'avere alle spalle un Verstappen (padre soprattutto) che spinge.

Detto questo, sono curioso di vedere, leggere e sentire cosa si dirà ora del vecchio diavolo. Così, perché quando si insulta qualcuno non si pensa mai che il futuro può riservare delle sorprese.

Condividi

1 commento

Prendi parte alla discussione
  1. Griforosso
    #1 Griforosso 11 gennaio, 2018, 22:11

    Ehhhhh che disastri personali fa fare l’essere Tifosi con commenti frettolosi o “rancorosi”!. Cosa a cui gli Appassionati sono meno soggetti appunto per la loro passione che li spinge a ragionare più del Tifoso. Male non sarebbe, appunto, ricordare quanto ha dimostrato di saper fare in macchina Daniil. Nel ragionare sui suoi alti e bassi la mia personale opinione è che i suoi BASSI siano stati provocati dal naturale effetto psicologico subito in occasione delle “avversità” da Te ricordate nell’articolo. Non tutti i Piloti sono come Alonso o Schumacher che forti della loro consapevolezza sulle loro qualità si lasciano scivolare addosso anche le critiche più feroci rispondendo con prestazioni sempre migliori di prima. Ma non tutti sono così forti caratterialmente e lo dimostra anche quel campione che è Hamilton. Anche Lui ha subito le offese del proprio carattere specie nei primi anni di carriera in F1; oggi forse un po’ meno. La Ferrari ha saputo “ricostruire” Massa dopo l’incidente della molla. Ci riuscirà anche con Kvyat anche se Daniil non credo vedrà davanti a se un futuro in Ferrari come lo ha poi avuto invece Massa. Ma è anche vero che in Ferrari il management è cambiato. Chissà se Leclerc dovesse in parte deludere in Sauber se si aprirà una strada da (secondo) Pilota Ufficiale ?! Quello che capisco un po’ meno è, ora, il ruolo di Giovinazzi che fece così bene a Simulatore nel trovare l’assetto giusto della vettura quando lo Staff Tecnico non ci riusciva e quel GP fu vinto se non ricordo male. Mah chi vivrà vedrà. Oddio che programma di sopravvivenza a breve tempo ho fatto. Faccio le corna e mi faccio un bel In Bocca Al Lupo rispondendomi Viva Il Lupo.

    Reply this comment

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.