Indycar | Presentato ufficialmente il nuovo aeroscreen

INDYCAR
Presentato ufficialmente il nuovo aeroscreen

Il dispositivo, adottato a partire del 2020, verrà prodotto dalla Red Bull di 24 Maggio 2019, 19:34

Dopo parecchi mesi di silenzio in merito al tema della sicurezza, la Indycar ha finalmente svelato lo strumento che verrà utilizzato per aumentare la sicurezza dei piloti, in particolare al livello della testa. Si tratta sostanzialmente di una soluzione ibrida, con un aeroscreen trasparente ancorato ad un telaio in titanio dalle forme molto simili all'Halo utilizzato in Formula 1. La struttura, chiamata semplicemente "Aeroscreen", è stata sviluppata e prodotta dalla Red Bull Advanced Technologies in collaborazione con Dallara, il fornitore ufficiale dei telai della Indycar Series.

Stando a quanto riporta il sito ufficiale della Indycar, lo schermo trasparente dell'Aeroscreen sarà composto in policarbonato laminato ricoperto nella sua parte interna da un sottile strato di vernice anti-riflettente; è inoltre prevista la presenza di un elemento termico per evitare l'appannamento e di alcuni elementi tear-off simili alle visiere a strappo applicate oggi dai piloti sui loro caschi. Per risolvere uno dei problemi sperimentati dai vari piloti che avevano provato le prime versioni degli aeroscreen, nella parte anteriore sarà integrata una presa d'aria con lo scopo di bilanciare la pressione dell'aria agente nella parte posteriore del casco, che in presenza del windscreen non può essere equilibrata da una pressione agente nel senso opposto.

L'intelaiatura in titanio sarà invece composta da un elemento centrale posto di fronte alla testa del pilota, due laterali a circondare il casco e il roll bar nella parte posteriore a chiudere il tutto: si stima che questo elemento sia capace di sopportare un carico di 150 kN, un valore confrontabile con gli Halo utilizzati al giorno d'oggi in Formula 1.

Al contrario dell'Halo adottato dalle categorie FIA, che si unisce nella parte posteriore della scocca all'altezza del poggiatesta del pilota, quello prodotto dalla Indycar terminerà all'altezza della base del rollbar, molto più in alto quindi rispetto a quello in uso dalla Formula 1 e dalle altre categorie propedeutiche. Questa decisione è stata presa per motivi strutturali, dato che il telaio della Dallara DW12 non ha la capacità di sopportare i carichi verticali imposti dalla struttura in titanio adottata.

Immagine di copertina da https://www.redbulladvancedtechnologies.com

Condividi