INDYCAR La PFC sarà fornitore unico di freni per il 2017

di 02 settembre 2016, 20:51
Indycar | La PFC sarà fornitore unico di freni per il 2017

Mentre sul tracciato di Watkins Glen si sta svolgendo la prima giornata di prove in preparazione al quindicesimo appuntamento stagionale, la INDYCAR ha annunciato che nella prossima stagione cambierà il fornitore unico degli impianti frenanti in dotazione alle Dallara DW12: la casa italiana Brembo uscirà di scena per far posto alla Performance Friction Corporation (PFC), società con sede nella Carolina del Sud che negli anni scorsi aveva fornito i freni alle vetture del campionato Champ Car.

La scelta del nuovo fornitore è stata propiziata dagli stessi piloti, invitati a luglio ad un test a Road America proprio per questo scopo: il test è stato svolto "al buio", nel senso che quando erano in pista i piloti non sapevano chi aveva prodotto i freni in quel momento presenti sulla vettura, ma il giudizio fornito è stato praticamente unanime.

Questo il commento all'accordo di Jay Fyre, president of competition and operations della Indycar: "In passato nel corso della stagione la maggior parte dei nostri team ha testato il pacchetto frenante della PFC e il feedback che abbiamo ricevuto è stato sorprendentemente positivo. PFC ha alle spalle una lunga storia durante la quale ha costruito prodotti dalle prestazioni eccezionali e ci aspettiamo che questi siano in grado di dare un grande beneficio alla competitività della Verizon Indycar Series. Siamo entusiasti di dare il via a questa partnership con PFC e apprezziamo l'impegno e l'interesse che hanno mostrato nei confronti del campionato Indycar"

Negli anni scorsi PFC ha dato prova del proprio valore soprattutto tra i prototipi, conquistando gare prestigiose come la 24 Ore di Daytona e la 12 Ore di Sebring. Per quanto riguarda le monoposto, oltre ad aver fornito i propri prodotti alla serie Champ Car, la PFC è attualmente il fornitore unico per tutte e tre le serie che compongono la trafila del "Mazda Road to Indy", ovvero la Indy Lights, la Pro Mazda e la Formula 2000 americana.

Immagine di copertina da indycar.com

Iscriviti al nostro Gruppo Facebook per commentare questo e gli altri nostri articoli


-->

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.