GP3 GP Gran Bretagna, Pedro Piquet vince Gara 2 nella tripletta Trident

Il brasiliano figlio di Nelson domina la sprint race su Giuliano Alesi e Ryan Tveter di 08 luglio 2018, 09:55 Condividi
GP3 | GP Gran Bretagna, Pedro Piquet vince Gara 2 nella tripletta Trident

Podio di figli d'arte nella gara 2 del Gran Premio di Gran Bretagna GP3.

Pedro Piquet vince la gara sprint davanti a Giuliano Alesi e Ryan Tveter, per una tripletta Trident.

Per Piquet è la prima vittoria in categoria, che giunge scavalcando nei primi metri il francese per non lasciare più la prima posizione. 

Giù dal podio il vincitore di Gara 1 Anthoine Hubert che, partito ottavo per l'inversione di griglia, recupera comunque quattro posizioni. Gli italiani: sesto Leonardo Pulcini, partito bene e poi in difficoltà nel corso della gara, mentre Alessio Lorandi è giunto dodicesimo al traguardo.

CRONACA

Partenza fulminante di Pedro Piquet che infila Alesi portandosi in testa seguito dal francese e da Pulcini. Seguono Tveter, Hubert che recupera subito tre posizioni, Ilott, Mawson e Niko Kari. Boccolacci scivola dalla quarta alla decima posizione. Dai replay si vede Lorandi in difficoltà all’ingresso del Wellington Straight.

Con il DRS abilitato all’inizio del terzo giro, Piquet è subito sotto attacco da parte di Alesi, mentre Pulcini deve difendersi da Tveter. Le ART di Hubert ed Ilott attendono in quinta e sesta posizione. Bel sorpasso di Tatiana Calderon ai danni del compagno David Beckmann per la dodicesima posizione.

Nel corso del quinto giro arriva il primo sorpasso nelle prime posizioni. Con Ryan Tveter che supera Leonardo Pulcini portandosi in terza posizione. Ora ci sono tre Trident al comando.

Durante il settimo giro dopo tocca a Jake Hughes passare Dorian Boccolacci per la decima posizione con un bel passaggio in curva tre, ripreso in diretta dall’onboard. Al termine della tornata, invece, è Hubert a fare la mossa che gli vale la quarta piazza su Pulcini. Davanti a sé il capoclassifica ha ora le tre Trident al comando. Hughes approfitta di un largo di Mazepin per portarsi in nona piazza.

Nono giro: Pulcini deve cedere la posizione anche a Callum Ilott, scendendo in sesta. Anche Hubert è protagonista di un largo all’ingresso dell’Hangar Straight che, però, non gli fa perdere troppo tempo. Due giri più tardi assistiamo onboard al tentativo di Hughes di superare Niko Kari, con quest’ultimo che resiste oltremodo fino ad essere toccato dalla ART finendo in testacoda alla Luffield.

Si forma un gruppetto per la settima posizione con appunto Hughes, Mazepin, Boccolacci, Mawson e Beckmann. Questi ultimi due vanno a contatto sempre alla Luffield con il tedesco che si insabbia dovendosi ritirare. Viene attivata la VSC mentre vengono inquadrate le monoposto di Aubry e Falchero a loro volta ferme. Siamo quindi a quattro ritirati quando mancano due giri alla fine.

La gara riparte all’inizio dell’ultimo passaggio con Piquet davanti ad Alesi e Tveter. Hubert ed Ilott seguono a breve distanza. Termina così con una tripletta Trident. Hubert è quarto davanti ad Ilott, Pulcini, Mazepin, Hughes. Chiudono la top ten Boccolacci e Tatiana Calderon. Impazziti sotto il podio i papà Piquet ed Alesi, che salgono la scaletta ed assistono alla cerimonia di premazione ai margini dello stesso. Quanto tempo è passato... 

Segue la classifica di gara.

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.