GP2 | Malesia: Ghiotto davanti a Marciello, Gasly recupera su Giovinazzi

GP2 | Malesia: Ghiotto davanti a Marciello, Gasly recupera su Giovinazzi
di 02 ottobre 2016, 06:40

Parla molto bene l'italiano, la sprint race della GP2 a Sepang, ma un po' di amaro in bocca, guardando il risultato finale, rimane. Luca Ghiotto ha conquistato la sua prima vittoria nella categoria cadetta precedendo Raffaele Marciello, ma Antonio Giovinazzi è stato preceduto sul traguardo da Pierre Gasly, perdendo quattro degli undici punti che aveva di vantaggio prima della corsa odierna.

Il pilota Trident è partito benissimo dalla seconda casella, superando immediatamente Mitch Evans che scattava dalla pole. Il vicentino ha poi conservato la prima posizione per tutta la gara, resistendo all'assalto finale di Marciello, che ha conquistato il suo sesto podio stagionale ma ancora senza vittorie.

Giovinazzi e Gasly, ottavo e undicesimo rispettivamente in griglia, hanno corso in bagarre praticamente per tutta la distanza della gara. Il francese è partito nuovamente male, ma ha recuperato subito il terreno perso. L'episodio decisivo è avvenuto al settimo giro quando Giovinazzi, tentando un sorpasso esterno su Rowland alla curva 4, è finito leggermente fuori pista, riuscendo miracolosamente ad evitare un testacoda ma finendo in questo modo alle spalle del compagno di squadra. Giovinazzi, nonostante i ripetuti tentativi negli ultimi giri, non è più riuscito a risuperare Gasly, che ha portato a casa anche il giro veloce e quindi due punti ulteriori.

Altra gara da protagonista per Gustav Malja, che dopo un lungo duello ha avuto ragione di Mitch Evans, complice anche un calo di gomme di quest'ultimo. Malja ha perso la possibilità di salire sul podio a causa di un'uscita di pista al tornantino nel corso del 19esimo giro. A completare la zona punti sono stati Matsushita e Rowland, quest'ultimo protagonista delle fasi iniziali ma poi a sua volta in flessione negli ultimi giri. Buon nono posto per Johnny Cecotto jr. con la seconda vettura del team Rapax.

Storie tese in casa Racing Engineering, con Jordan King che all'inizio del secondo giro ha mandato in testacoda Norman Nato costringendolo al ritiro e chiamando in causa la Safety Car. I due erano già venuti a contatto in occasione della feature race di Baku ma a parti invertite, con Nato che portò a muro in compagno di squadra. King, penalizzato di dieci secondi, è poi tornato ai box per sostituire il musetto, concludendo 14esimo. Altre penalità sono state assegnate a Markelov e Gelael, rispettivamente per gli incidenti con Canamasas e de Jong.

Gara deludente per Alexander Lynn, che dopo il quarto posto di ieri non è andato oltre un 12esimo oggi. Altra prova sfortunata, invece, per Sergey Sirotkin, vittima di un surriscaldamento del motore e costretto ai box già nella prima metà di gara: il russo è poi tornato in pista per fermarsi definitivamente qualche giro dopo.

Con i due piloti Prema divisi da appena sette punti si arriva all'ultimo round, ad Abu Dhabi, che deciderà questa entusiasmante stagione 2016. Anche Marciello mantiene qualche speranza di titolo, ma con 39 punti di distacco su 48 assegnabili non potrà probabilmente andare oltre un ruolo da terzo incomodo, alla sua ultima gara nella categoria cadetta. Classifica squadre invece già chiusa ieri, con il successo netto del team Prema.

Classifica di gara:

mal2gp2

Classifica generale:

gengp2

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.