ALTRI MOTORI GP Riviera di Rimini: i risultati di SSP600, SSP300 e STK1000

Due vittorie italiane nelle classi Supersport. Reiterberger dominatore in Superstock di 08 luglio 2018, 17:02 Condividi
GP Riviera di Rimini: i risultati di SSP600, SSP300 e STK1000

A fronte di un dominio totale da parte di Jonathan Rea nella classe maggiore, a Misano le altre categorie hanno avuto risultati molto meno scontati, specie rispetto alle situazioni delle classifiche mondiali. Andiamo ad osservarle.

Nella Supersport 600 Federico Caricasulo ha mantenuto le premesse dalla vigilia andando a vincere la sua prima gara della stagione, dopo esser rimasto a lungo l’unico a secco di successi in questo 2018 tra i piloti Yamaha di testa. Weekend dominato dall’inizio alla fine con tanto di Superpole, anche se i conti con Raffaele De Rosa, secondo, e Sandro Cortese, terzo, non sono stati facili da saldare. L’ex-campione della Superstock ha collezionato il miglior risultato della stagione per la moto varesina, mentre l’italo-tedesco ha allungato di tre punti in classifica su Jules Cluzel, dopo la cocente sconfitta a Brno. Ancora più cocente è stata la batosta odierna di Lucas Mahias, caduto al Tramonto per un high-side che lo ha quindi allontanato ancora di più dal titolo.

In classifica il campione del mondo scende a -35 dal leader Cortese. La sfida sembrerebbe oramai ristretta al tedesco e a “Julo”, separati da solo cinque punti e seguiti da Krummenacher, distante 22 punti dalla vetta. Ribalta dei due italiani invece, con Caricasulo che passa il suo caposquadra nel team GRT di un punticino e De Rosa che si mette a pari punti col #144.

Anche nella SSP300 è stato un italiano a prevalere, ovvero Manuel Bastianelli con la Kawasaki Ninja 400 del team DS Junior, la stessa che guida Ana Carrasco. L’italiano è stato bravo nel forcing dell’ultimo giro, non permettendo a Mika Perez di contrattaccare e battendolo in volata sul traguardo. Settimo il poleman indonesiano Hendra Pratama, vincitore a Brno ma più in difficoltà nella dura bagarre qui a Misano, mentre Ana Carrasco è giunta decima. Sei punti comunque preziosi considerando il ritiro per guasto di Scott Deroue, la caduta di Borja Sanchez e il quinto posto di Grunwald con la KTM; la ragazza spagnola rimane al comando della classifica con 84 punti, 16 di vantaggio su Grunwald e 26 su Sanchez.

Infine, nella Superstock si è visto il dominio in scioltezza di Markus Reiterberger, capace di condurre dall’inizio alla fine l’ultima gara di giornata. Dietro di lui il rivale Scheib, autore di una partenza fulminante ma non in grado di superare il tedesco, per il quale le voci di un passaggio col suo team alla SBK per l’anno prossimo sono sempre più insistenti. Terzo Russo con la Ducati, mentre Federico Sandi all’ultimo giro ha perso la posizione sull’altra BMW di Tamburini. In campionato Reiterberger ha ora 124 punti, 14 di vantaggio sul cileno dell’Aprilia.

Anche per le tre categorie ci saranno due mesi di pausa prima della gara in Algarve, circuito altamente spettacolare che ci ha regalato belle gare nelle scorse stagioni.

Fonte immagine: worldsbk.com

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.