ALTRI MOTORI GP Repubblica Ceca: i risultati di SSP600, SSP300 e STK1000

Prosegue il duello Cluzel-Cortese nella 600. Commozione cerebrale per Perez nella classe leggera
GP Repubblica Ceca: i risultati di SSP600, SSP300 e STK1000
di 10 giugno 2018, 17:06

Fare meglio della seconda manche della SBK in questo weekend era assai difficile a livello qualitativo, ma le tre classi inferiori ci hanno regalato comunque tre gare di tutto rispetto. La pista di Brno, in tutti e e tre i casi, ha detto bene alla Yamaha che è tornata a vincere in SSP300 ma anche a fare risultato nella Stock, segno di un impegno costante del marchio giapponese.

Nella Supersport 600 il pronostico era tutto per il poleman Sandro Cortese, deciso ad allungare nella classifica generale dopo l’ottimo successo di Donington. A guastargli i piani ci ha pensato un altro pilota Yamaha, ovvero Jules Cluzel, arrivato alla terza vittoria della stagione: il transalpino è scattato perfettamente dalla prima fila e ha comandato dal primo all’ultimo giro, sfruttando una rapportatura della sua R6 penalizzante nelle varianti ma ottima sui rettilinei. Cortese è rimasto addosso al compagno di marca dal primo all’ultimo giro (entrando anche in contatto con “Julo” pur di sorpassarlo), ma non è riuscito a batterlo sulla linea del traguardo. Quarto terzo posto consecutivo per Raffaele De Rosa che conferma ancora una volta la bontà della MV F3, specie su una pista poco sconnessa come Brno. L’italiano è rimasto coi due yamahisti fino a sette giri dalla fine, ma ha poi dovuto alzare bandiera bianca; è necessario ora cercare l’acuto già da Misano, altra pista favorevole alla tre cilindri varesina.

Nella classifica, al contrario di questa gara, non c’è stato ancora il sorpasso: Cortese comanda con appena due punti sul vincitore di oggi, mentre perdono terreno Krummenacher e Mahias, in deficit di risultati nelle ultime gare e giunti rispettivamente in quinta e quarta posizione oggi. A 83 punti De Rosa, mentre Caricasulo scende in sesta dopo esser caduto oggi nelle prime tornate.

Nella Supersport 300, come a Donington, la gara è stata di gruppo eccezion fatta per la prima posizione: Galang Hendra Pratama, pilota indonesiano del team Biblion Yamaha, dopo una buona qualifica e un'altrettanto buona partenza, è passato con aggressività al comando mettendo ben cinque secondi tra sé e i suoi avversari in lotta per la piazza d’onore. La corsa è stata interrotta a tre giri dalla fine, quando un altro pilota indonesiano, Ali Adriansyah Rusmipitro, è caduto in curva 12 rimanendo fermo nella via di fuga e venendo quindi soccorso dai medici; sul podio sono giunti Khan e Sanchez con le Kawasaki e i punti sono stati assegnati regolarmente. Si aspettano aggiornamenti sulle condizioni fisiche di Rusmipitro, in un weekend in cui già Mika Perez nelle prove aveva subito una commozione cerebrale in seguito ad una caduta.

Purtroppo, l’ultima gara del weekend delle derivate di serie non è stata risparmiata dalla pioggia. La STK1000 ha visto trionfare Maximillian Scheib sull’Aprilia RSV4 ufficiale, tornato alla vittoria dopo l’esordio esplosivo di Jerez 2016. Il cileno ha anche dimostrato, come a Imola del resto, la sua netta superiorità sul viscido, formando un buco di due secondi già dalle primissime battute. Markus Reiterberger sulla BMW ha provato a seguire il cileno, ma ha poi dovuto desistere per le posizioni da podio terminando dietro a Del Bianco e a Marino, rispettivamente in seconda e terza posizione. Nella classifica piloti il tedesco comanda con 86 punti e un margine di 5 su Scheib; a causa dell’opaca gara di oggi, chiusa all'ottavo posto, Roberto Tamburini (ottavo) è terzo con 84 punti.

La sosta per le tre classi sarà ben più lunga rispetto a quella della SBK, poiché le tre non correranno il round americano di Laguna Seca. Le rivedremo però a Misano in tutto il loro splendore, sperando di vedere gare degne del nome che porta questa pista.

Fonte immagine: worldsbk.com

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.