Gp della Cina: la conferenza stampa del giovedì

di 10 aprile 2015, 10:55 Condividi
Gp della Cina: la conferenza stampa del giovedì

Vi riportiamo sinteticamente quanto detto dai piloti nella conferenza stampa del giovedì a Shanghai. I piloti presenti erano Marcus Ericsson (Sauber), Nico Hulkenberg (Force India), Romain Grosjean (Lotus), Felipe Massa (Williams), Sebastian Vettel (Ferrari) e Jenson Button (McLaren).

Sebastian, devono essere stati dei giorni fantastici per te e abbiamo saputo che sei tornato a Maranello. Com'è fare ritorno lì da vincitore? Ora hai da placare l'entusiasmo, immaginiamo.

Sebastian Vettel: No, perché credo che siamo rimasti realisti su quello che siamo e quello che vogliamo ottenere. I nostri obiettivi non sono cambiati. Certamente, è stata una grande vittoria quella in Malesia, ed è stata fantastica per noi come team, e specialmente per me, è stato un giorno molto emozionante - la mia prima vittoria con la Ferrari. Tornare agli stabilimenti e vedere tutte le persone presenti è stato piuttosto speciale. Ci sono molte persone che lavorano lì, ed erano tutti molto, molto felici. Ma per le prossime gare, non è cambiato niente: vogliamo confermare di avere una monoposto forte e vogliamo assicurarci di continuare a stare davanti a quei team che abbiamo avuto dietro di noi nelle prime due gare. La Mercedes rimane molto, molto forte.

Passando a Felipe, le Williams non hanno di certo avuto la partenza che speravano. Abbiamo già visto la vera Williams, o il meglio deve ancora arrivare? Pensi di poterti riprendere la posizione dello scorso anno, qua in Cina?

Felipe Massa: Beh, penso che non ci possiamo lamentare di come abbiamo iniziato la stagione. Vuoi sempre essere in cima, ma comunque siamo terzi in campionato, e abbiamo ottenuto una buona quantità di punti. Ma va bene, non posso lamentarmi. Vogliamo sempre fare di meglio, vogliamo sempre essere più competitivi, e abbiamo anche visto che la Ferrari è stata molto forte. Adesso dobbiamo lavorare duro per combattere anche loro, e per avvicinarci alla Mercedes. Siamo al lavoro da quel punto di vista, dobbiamo solo continuare a spingere, gara dopo gara. Non siamo neanche troppo lontani dai risultati dell'anno scorso, siamo comunque nel bel mezzo della lotta.

Marcus, veniamo a te: quest'anno per te è stato un grande passo in avanti, dalla Caterham alla Sauber. È stato un inizio piuttosto promettente, prima i test pre-stagionali, la prima gara... E la Malesia, dove hai imparato molto. La prospettiva di poter segnare dei punti ha cambiato il tuo approccio alle corse?

Marcus Ericsson: Prima di tutto, è stato un grande passo in avanti, come hai detto, passare dalla Caterham alla Sauber. Siamo stati molto competitivi e l'Australia è stata una grande partenza per noi, con entrambe le monoposto a punti. Anche in Malesia è andata bene. L'errore in gara è qualcosa che ti fa imparare molto, ma non penso di essere né il primo, né l'ultimo che sbaglia in gara. Vorrei continuare così anche in Cina, e penso che sia un obiettivo realistico.

Una domanda particolarmente simpatica, al di là delle dichiarazioni oramai rituali, è stata questa:

Domanda per tutti voi: avete parlato di come i fan siano appassionati e di come li incontriate anche in aeroporto e di come vi riempiano di regali. Qual è stato il regalo più interessante, strano o diverso che abbiate mai ricevuto da un fan qua in Cina?

Jenson Button: Strano e interessante non saprei. Le spillette sono carinissime. Le avete mai viste? Mettono le spillette con gli orsi... Ah, no, sono dei panda. Sono carine. Al di là delle tradizionali bacchette per mangiare e altre cose. È fantastico! Ci sono un sacco di cose da portare a casa.

Sebastian Vettel: Ho avuto un panda-regalo anche io. Era un panda di peluche, non uno vero, ovviamente. Però era troppo grande da portare a casa, quindi l'ho dovuto lasciare qua. Mi è capitato un po' di anni fa. È carino quando ti danno qualcosa di piccolo da portarti via, ma quello era troppo grande! Ho avuto qualche problema.

JB: Povera la persona che ti ha regalato quel panda!

SV: Beh, ma sono onesto! Ai tempi non potevo permettermi di pagare un posto extra in aereo, quindi non potevo portarmi dietro il panda.

Felipe Massa: Anche io ho ricevuto un panda in regalo. Mi regalano sempre un sacco di libri, con le foto dei fan, tipo un grande album ed è fantastico. È molto bello da mettere nel museo che ho, dove posso mettere i regali dei fan. Ricevo anche molti regali per mio figlio, pensieri e dolci - è fantastico!

Nico Hulkenberg: Nessun panda per me. Più o meno mi hanno regalato le cose che hanno regalato agli altri ragazzi, cose locali, dolci, libri, una guida Lonely Planet, così non mi perdo per Shanghai, cose di questo genere.

Romain Grosjean: Mi hanno regalato una scatola di macarons quando sono arrivato all'aeroporto. Dopo un lungo volo, è stato molto carino.

Marcus Ericsson: Neanche a me hanno regalato un panda, ma mi hanno regalato dolci e cose tipiche.

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.