Alessandro Secchi

SEVEN Gli eroi di Sepang

di 02 ottobre 2016, 18:00
Gli eroi di Sepang

Tra i migliori della giornata di Sepang spicca senza dubbio Daniel Ricciardo. Per la vittoria, per la super resistenza su Max Verstappen, che fiutato il colpo grosso ha tentato l'affondo venendo respinto con forza dal compagno. Ci ha provato via radio, ci ha provato in pista. Dopo il Karma plasmatosi nelle forme di Daniil Kvyat a Singapore, Max si è dovuto accodare anche a Daniel. L'australiano è stato anche convincente (non si sa come) a far bere dalla sua scarpa tutto il podio. Ci vuole coraggio, soprattutto in condizioni come quelle di Sepang.

Ci sono anche altri piloti che vanno celebrati dopo questa gara. Uno, succube degli eventi che hanno coinvolto Ferrari e Mercedes, è stato indegnamente ignorato per tutta la gara. Parlo di Valtteri Bottas, che ha portato a termine il Gran Premio della Malesia al quinto posto con la Williams. Risultato eccezionale considerato il fatto che è stato ottenuto con una sola sosta ai box per passare da gomme medie (con le quali il finlandese è restato in pista per trenta - avete capito bene - trenta giro) a gomme dure.

Da sottolineare anche il settimo posto di Fernando Alonso con la Mclaren. Partito dal fondo, in pochissime tornate era già a centro classifica. Approfittando dei ritiri illustri di fronte, di Hamilton e Vettel, ecco un altro buon risultato per lo spagnolo e per la casa di Woking, che ha portato a punti anche Button con il nono posto. Buon modo per festeggiare il 300° GP della carriera.

Ha quasi dell'incredibile il decimo posto di Jolyon Palmer con la Renault. Il pilota britannico conquista un punticino che fa morale dopo una stagione disastrosa per il team francese. I resti della Lotus 2015 ormai non stanno in pista, e l'optare per una sola sosta (Dure + Soft) questa volta ha premiato. Palmer si è tenuto così alle spalle le Toro Rosso, Felipe Massa (partito ad handicap dalla pitlane dopo esser rimasto fermo in griglia) Ericsson e le due Manor.

 

Iscriviti al nostro Gruppo Facebook per commentare questo e gli altri nostri articoli


Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.