FORMULA E Zurich ePrix 2018 - Anteprima

Il motorsport su pista torna finalmente in Svizzera di 09 giugno 2018, 09:57 Condividi
Formula E | Zurich ePrix 2018 - Anteprima

Il primo ePrix di Zurigo è sicuramente uno degli eventi più attesi di questa stagione della Formula E che volge ormai al termine. Dopo il tragico incidente che funestò la 24h di Le Mans del 1955 la Svizzera decise di vietare ogni tipo di competizione su pista all'interno dei propri confini ma oggi, a distanza di 63 anni, grazie al campionato elettrico anche la Confederazione Elvetica è tornata ad avere un ruolo importante all'interno del motorsport mondiale.

Ultima gara europea della stagione prima del double header finale di New York, l'ePrix di Zurigo rappresenta anche la prima occasione di chiudere i giochi per Jean-Éric Vergne. Con il terzo posto di Berlino, alle spalle delle imbattibili Audi, il francese si è portato a +40 su Sam Bird e a Zurigo dovrà guadagnarne altri 18 per portare il titolo in casa Techeetah. Ciò significa che se il francese dovesse incassare il bottino pieno nell'ePrix elvetico, Bird non dovrebbe ottenere un risultato peggiore del quarto posto.

Reduce da una giornata molto difficile a Berlino, Bird si ritrova in una situazione similare a quella affrontata a Roma. Quasi obbligato a vincere per mantenere speranze di titolo su una pista come quella di New York, dove l'anno scorso registrò una grande doppietta, di certo l'alfiere del team Virgin non potrà permettersi il minimo errore nelle fasi decisive dell'ePrix, specialmente in qualifica.

A Berlino è emerso lo strapotere del team Audi, capace di conquistare una doppietta con grande facilità. La seconda vittoria stagionale di Daniel Abt è stata accompagnata dalla quarta piazza d'onore consecutiva ottenuta da Lucas di Grassi, ancora a quota zero vittorie ma senz'altro nel novero dei piloti in rampa di lancio per la tanto attesa season 5. L'obiettivo del team di Ingolstadt, a questo punto del campionato e di competitività raggiunta, è rappresentato dalla classifica riservata alle squadre che vede Audi in grande rimonta dopo i 12 miseri punti raccolti nelle prime quattro gare: le 44 lunghezze di differenza con Techeetah non sono poi un'esagerazione, considerando anche l'andamento piuttosto "ondulatorio" della seconda vettura del team cinese, quella di André Lotterer.

Da tenere d'occhio è, ovviamente, anche il pilota di casa Sébastien Buemi. A secco di successi da più di un anno e giù dal podio dal terzo posto conquistato in Messico, la stagione del pilota di punta del team DAMS-Renault non ha minimamente rispecchiato le aspettative che alla vigilia di Hong Kong lo davano come grande favorito, ma il gradino più basso del podio virtuale del campionato può rappresentare una buona consolazione per il campione della season 2. Con quattro piloti in dieci punti, da Felix Rosenqvist a quota 86 a di Grassi con 76 passando per Abt e lo stesso Buemi, la lotta per decidere chi accompagnerà Vergne e Bird sul podio finale è apertissima e si preannuncia davvero "calda".

A guidare la fila sopracitata è appunto Felix Rosenqvist, che come il suo team Mahindra è in netta flessione da un paio di gare. Lo svedese ha occupato le posizioni di centro classifica sia a Parigi che a Berlino, con tanto di grossolano errore alla prima curva in quest'ultima occasione. I problemi di affidabilità che lo hanno privato di probabili vittorie in Messico e a Roma hanno sicuramente giocato un ruolo importante nel campionato di Rosenqvist e la stagione molto difficile di Nick Heidfeld di certo non sta aiutando il team indiano a riemergere. 

Tra gli outsider della gara non bisogna ovviamente dimenticare le Jaguar, con Evans reduce da una buona gara in rimonta a Berlino e Piquet ancora in caccia di punti dopo quattro zeri in fila, e Oliver Turvey con la NextEV-NIO, ma in Germania è tornata a mettersi in mostra anche la Dragon con Jérôme d'Ambrosio, autore di un'eccellente qualifica poi non replicata in gara.

Gara di casa, almeno parzialmente, per il rientrante Edoardo Mortara, che a Zurigo concluderà la sua stagione prima di lasciare nuovamente il volante della Venturi #4 a Tom Dillmann a causa della concomitanza tra l'ePrix di New York e il DTM a Zandvoort. Dopo l'ennesima gara da dimenticare a Berlino, a Luca Filippi restano ormai poche chance di farsi nuovamente valere alla guida della NIO #68 per raddrizzare una stagione complessivamente molto difficoltosa.

2018 Julius Baer Zurich ePrix - Zürich Street Circuit
Round 9/10
10 giugno 2018

INFO CIRCUITO

Lunghezza del circuito: 2,465 km
Giri da percorrere: 39
Distanza totale: 96,135 km
Numero di curve: 11
Senso di marcia: antiorario

RECORD

Non vi sono record, in quanto si tratta del primo ePrix su questo circuito.

PROGRAMMA

Domenica 10 giugno
9:00-9:45 Prove libere 1
11:30-12:00 Prove libere 2
14:00-15:00 Qualifiche - Eurosport 2 (15:00), Italia 2 (16:15)
18:00 Gara - Italia 1, Eurosport 2, Italia 2

Immagine copertina: fiaformulae.com

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.