FORMULA E New York: Vergne escluso, Buemi in pole position

Un eccesso di batteria utilizzata relega il leader del campionato a fondo griglia
Formula E | New York: Vergne escluso, Buemi in pole position
di 14 luglio 2018, 18:56

Un enorme colpo di scena si è abbattuto sulle qualifiche della Formula E a New York. Dopo avere ottenuto il primo e il secondo tempo nella sessione a gruppi, le Techeetah di Jean-Éric Vergne e André Lotterer sono state escluse per avere ecceduto l'utilizzo massimo della batteria nel corso del loro giro lanciato, venendo dunque relegate a fondo classifica. Una decisione che ha riaperto un campionato apparentemente già nelle mani del francese, vista la qualifica difficile di Sam Bird, e apre scenari del tutto nuovi in vista della gara che si disputerà nella serata italiana.

La pole position è stata conquistata da Sébastien Buemi, letteralmente ripescato in Superpole dopo l'esclusione delle due Spark-Renault del team cinese. Sceso in pista per secondo, Buemi è stato l'unico a scendere sotto il muro dell'1:14 precedendo di mezzo secondo la Jaguar di Mitch Evans, ancora una volta grande protagonista di questo campionato. Sarà una gara-1 molto importante per entrambi, con Buemi ancora in caccia del primo successo stagionale ed Evans chiamato a concretizzare finalmente le buone prestazioni che spesso e volentieri ha mostrato in qualifica.

Terzo posto a sorpresa per la seconda delle DAMS-Renault, quella di Nicolas Prost. Il figlio d'arte, pur non producendosi in un giro di Superpole competitivo, ha conquistato di gran lunga il suo miglior piazzamento stagionale in qualifica precedendo Jérôme d'Ambrosio e Daniel Abt, i quali hanno commesso errori più o meno gravi nel corso del loro giro secco. Il belga ha portato nuovamente in Superpole la Dragon-Penske ma un lungo alla variante 10-11 gli è costato una prima fila potenziale, mentre il tedesco ha tirato dritto alla nuova curva 5 sprecando la prima posizione conquistata (a posteriori) nella fase a gruppi.

La sesta posizione, prima fuori dalla Superpole, è andata a Nelsinho Piquet davanti alla seconda Dragon, quella di Pechito López. Buona prova anche per le Venturi, con l'ottava piazza di Maro Engel davanti a Tom Dillmann, che come da programma ha sostituito Edoardo Mortara impegnato a Zandvoort nel DTM.

L'esclusione delle Techeetah ha ulteriormente riaperto la questione legata al titolo team ma in casa Audi è mancato Lucas di Grassi, solo 11° dopo essersi ritrovato primo pilota in pista nel primo gruppo. Il brasiliano ha cercato anche un "surplace", nel tentativo di farsi superare dagli altri piloti alle sue spalle, senza successo. Davanti all'ex campione in carica scatterà Nick Heidfeld, mentre subito dietro ha trovato collocazione la Andretti di António Félix da Costa.

E veniamo a Sam Bird, che nel momento decisivo delle qualifiche si è perduto per strada finendo al 14° posto. Il britannico è stato provvidenzialmente salvato dall'esclusione di Vergne, che gli ha comportato addirittura una posizione di vantaggio per gara-1. Bird partirà alle spalle del suo compagno di squadra Alexander Lynn, seguito a sua volta da Luca Filippi e da Felix Rosenqvist, addirittura 16°.

Qualifiche disertate da Oliver Turvey, che si è fratturato una mano nel corso della FP2 e non parteciperà alla gara odierna, in attesa di novità riguardanti la giornata di domani. Un altro incidente durante la fase a gruppi ha coinvolto Stéphane Sarrazin, finito contro le barriere della curva 10 senza conseguenze.

Alle ore 21:30 prenderà il via la prima gara da Brooklyn, una corsa che avrebbe potuto chiudere definitivamente i conti matematici di questo campionato ma che ora sembra destinata ad una lotta inattesa.

Classifica:

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.