FORMULA E Berlin ePrix 2018 - Anteprima

Tutti a caccia di Vergne in casa di Audi. Shakedown per Rosberg sulla Gen2
Formula E | Berlin ePrix 2018 - Anteprima
di 18 maggio 2018, 21:08

Arrivata ormai a sole quattro gare dalla conclusione della sua quarta stagione, la Formula E si appresta ad affrontare l'ePrix di Berlino con una situazione di campionato piuttosto definita. Con il successo ottenuto a Parigi, il terzo di questo campionato, Jean-Éric Vergne ha compiuto un altro passo importante verso l'alloro elettrico mettendo altri 13 punti tra sé e l'unico avversario ormai rimastogli, il suo ex compagno di squadra britannico Sam Bird. Entrambi stanno mantenendo un buon ruolino di marcia in termini di risultati, con Vergne arrivato sempre nei primi cinque e Bird giunto sul podio una volta in più avendo però marcato anche uno zero, ed è per questa ragione che il pilota del team Virgin non può più permettersi di perdere altro terreno (oltre il -31 attuale) nei confronti del francese, a partire proprio dalla gara dell'aeroporto Tempelhof.

La cornice della sfida titolata sarà l'ePrix di casa Audi. Il team di Ingolstadt ha risolto i problemi di affidabilità di inizio stagione che lo hanno tagliato fuori dalla lotta per il campionato, ed è ora reduce da quattro podi consecutivi con la vittoria di Abt in Messico e i tre secondi posti firmati da Lucas di Grassi a Punta del Este, Roma e Parigi. Proprio il brasiliano potrebbe essere l'ago della bilancia tra la Techeetah #25 e la Virgin #2, con il chiaro obiettivo di portare a casa almeno un successo in questa difficile stagione, ma anche il giovane pilota di casa punterà ad un risultato importante nell'ePrix più atteso.

Messo fuori gioco dai problemi a ripetizione accusati negli ultimi quattro ePrix, Felix Rosenqvist può invece ripensare al grande weekend di un anno fa per guardare con fiducia a questo appuntamento. Quella del 2017 per lo svedese fu una doppietta, almeno sul campo, al termine di una due giorni che vide la Mahindra #19 superiore anche all'inossidabile accoppiata Buemi-Renault. Il treno titolato è ormai scappato dalle mani del nordico e del team indiano, ma il livello mostrato in questa stagione dalla vettura spinta dalla powertrain Magneti Marelli impone di tenere sempre in considerazione Rosenqvist nell'ottica di un ePrix singolo.

Dopo tre podi consecutivi nelle Americhe, per Sébastien Buemi sono invece arrivate altre tre corse molto difficili. Lo svizzero non è mai riuscito a sfruttare appieno il potenziale della DAMS-Renault a causa di ripetuti problemi di consumo batterie, racimolando appena 18 punti tra Uruguay, Italia e Francia. Proprio a Berlino, l'anno passato, Buemi ha conquistato quella che al momento è la sua ultima vittoria in Formula E beneficiando della penalità affibbiata a Rosenqvist in gara-2; da quel giorno, con la successiva l'assenza di New York e i ripetuti disastri di Montréal che sono costati il titolo all'elvetico, è iniziato un periodo di digiuno e di inaspettate difficoltà per il pilota e per la squadra che nelle prime tre stagioni hanno svolto il ruolo di principale protagonista della serie, nel bene e nel male.

Corsa casalinga anche per altri tre piloti impegnati a tempo pieno nel campionato. Il primo è André Lotterer, reduce da una gara molto difficile a Parigi tra le polemiche per il suo presunto atteggiamento fuori dalle righe in pista e l'incidente con Bird nel finale, per il quale è stato giudicato colpevole e quindi penalizzato di dieci posizioni sulla griglia di partenza di Berlino; Maro Engel ha invece corso la gara migliore della sua carriera elettrica proprio nella capitale francese, con un quarto posto che ha fatto seguito ad un'ottima qualifica; Nick Heidfeld, infine, sta attraversando una stagione davvero difficile, che dopo il podio di gara-1 a Hong Kong non ha riservato più alcuna soddisfazione, con un impietoso confronto in termini di punti con Rosenqvist e un digiuno di punti che ormai prosegue da Santiago. Tutti e tre, dunque, nell'ePrix casalingo saranno molto attesi, per ragioni anche molto diverse tra loro.

Nella stagione delle occasioni perdute, Berlino rappresenterà un'altra possibilità di cogliere un risultato importante anche per il team Jaguar. Di certo il momento non è facile per Nelsinho Piquet, reduce da tre ritiri consecutivi dei quali due per problemi alle cinture di sicurezza dopo il cambio vettura, mentre Mitch Evans pur avendo dimostrato una grande competitività al volante della vettura britannica è ancora alla ricerca di quella costanza che gli permetterebbe di giocarsi un piazzamento più importante in campionato.

Per un italiano che torna, ce n'è un altro che lascia la scena. A Berlino tornerà infatti Luca Filippi, di nuovo al volante della NextEV #68 dopo la comparsata di Ma Qinghua a Parigi, ma dall'altra parte Edoardo Mortara ha preferito onorare il suo impegno da pilota Mercedes nel DTM lasciando il sedile della Venturi #4 al rientrante Tom Dillmann. Con tutta probabilità, Mortara non sarà presente nemmeno in occasione del double header di New York, disputando la sua ultima corsa stagionale a Zurigo. Quello che gli riserverà la season 5 è ancora da definire, ma il debutto del team HWA (succursale di Mercedes) lascia presagire una rinnovata presenza dell'italo-svizzero nel campionato elettrico, specie a fronte del ritiro della Casa di Stoccarda dal DTM. Un altro avvicendamento in griglia è quello riguardante il team Andretti, con Tom Blomqvist ora concentrato appieno sul programma BMW nel WEC e Stéphane Sarrazin pronto a prenderne il posto.

Le tante esibizioni previste a Berlino hanno modificato anche il consueto orario di svolgimento dell'ePrix: le qualifiche si terranno infatti alle 14:00, con la gara slittata alle ore 18:00. Tra le dimostrazioni più attese c'è indubbiamente quella della Gen2, la vettura che sarà protagonista assoluta della Formula E a partire dalla prossima stagione, che prenderà il via da Riyadh in Arabia Saudita: a guidarla sarà il campione del mondo F1 del 2016, Nico Rosberg, che ora ricopre anche un ruolo da azionista della serie.

2018 BMW i Berlin ePrix - Tempelhof Airport Street Circuit
Round 8/10
19 maggio 2018

INFO CIRCUITO

Lunghezza del circuito: 2,277 km
Giri da percorrere: 45
Distanza totale: 102,465 km
Numero di curve: 10
Senso di marcia: antiorario

RECORD

Giro gara: 1:09.509 - Maro Engel - Venturi Grand Prix - 2017
Giro prova: 1:08.208 - Felix Rosenqvist - Mahindra Racing - 2017 (NB: record 1:07.670, José María López, Virgin Racing, 2017, FP4)
Vittorie pilota: 2 - Sébastien Buemi
Vittorie team: 2 - DAMS
Pole pilota: 1 - Jarno Trulli, Jean-Éric Vergne, Lucas di Grassi, Felix Rosenqvist
Pole team: 1 - Trulli Grand Prix, Virgin Racing, Abt Sportsline Racing, Mahindra Racing
Podi pilota: 3 - Sébastien Buemi, Lucas di Grassi
Podi team: 4 - Abt Sportsline Racing

ALBO D'ORO

PROGRAMMA

Sabato 19 maggio
9:00-9:45 Prove libere 1
11:30-12:00 Prove libere 2
14:00-15:00 Qualifiche - Italia 2, Eurosport 2
18:00 Gara - Italia 1, Eurosport 1, Italia 2

Immagine copertina: fiaformulae.com

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.