F3 | ART Grand Prix punta su David Beckmann per il 2019

F3
ART Grand Prix punta su David Beckmann per il 2019

Il tedesco è il primo dei tre piloti della squadra francese di 14 Dicembre 2018, 19:44

ART Grand Prix ha ufficializzato oggi il suo primo pilota per la stagione 2019 della F3. Con la scelta di David Beckmann, la squadra francese ha posto a sua volta la candidatura al titolo rispondendo a Prema, che al momento ha arruolato Marcus Armstrong e Jehan Daruvala, e a Hitech che invece ha messo sotto contratto Jüri Vips.

Beckmann, che compirà 19 anni ad aprile, è uno dei nomi di assoluto rilievo per quanto riguarda le categorie propedeutiche delle monoposto e i risultati ottenuti nelle ultime anni lo dimostrano. Il debutto in monoposto è avvenuto nel 2015 in F4, con un quarto posto nel campionato italiano e un quinto in quello tedesco in seno al team Mücke, prima di un balzo in F3 avvenuto ancora al disotto del limite minimo di età. Nel 2016, infatti, Beckmann ha dovuto saltare i primi due weekend poiché non aveva ancora raggiunto i 16 anni ma ha impiegato appena una dozzina di gare (quattro fine settimana) per conquistare il suo primo podio nella serie continentale, a Zandvoort.

Il campionato di GP3 del 2018 lo ha consacrato come nome nuovo dell'automobilismo mondiale. Dopo avere disputato i primi quattro Gran Premi con il team Jenzer, terminando un paio di volte in zona punti in otto gare, il giovane tedesco è passato al team Trident e da quel momento la musica è cambiata: pole position al secondo tentativo in Belgio, seguita da una vittoria in gara-1, risultati poi ripetuti a Monza prima di un terzo successo arrivato in gara-2 a Sochi. Un quinto posto finale, con la consapevolezza di essere il pilota che più di tutti (insieme a Leonardo Pulcini) ha messo in difficoltà l'armata ART Grand Prix, guadagnandosi di conseguenza l'ingresso nel team di riferimento della categoria già dai test di fine stagione ad Abu Dhabi.

"Sono fiero e onorato di poter correre con un team così vincente e storico!", ha detto Beckmann. "Abbiamo lavorato insieme già ad Abu Dhabi e tutto è andato per il verso giusto. Ho percepito un'atmosfera 'calda' e familiare. Abbiamo svolto un lavoro molto professionale e preciso, ho apprezzato molto questo approccio perché anche io sono una persona che prova a migliorarsi in ogni aspetto, in ogni dettaglio. Questo mi ha dato fiducia nel fatto di potere raggiungere ottimi risultati con ART".

L'amministratore delegato del team ART, Sébastien Philippe, ha aggiunto: "David è stato l'avversario più tosto per il team ART nella seconda parte dell'ultima stagione di GP3, avendo marcato più punti di tutti. Si è fatto un nome grazie alla sua velocità sul giro singolo e per la sua combattività nel corso delle gare. ART Grand Prix ha apprezzato anche la sua attitudine e il suo background tecnico durante i test di fine anno. Questa collaborazione ci ha convinti ad unire le forze con lui per il 2019, con l'obiettivo di diventare i primi vincitori di questo nuovo campionato. Le sue qualità di pilota e la sua esperienza saranno molto importanti in questa nuova serie, in cui sarà competitivo sin dall'inizio sulla nuova vettura".

Condividi