F2 Il punto sul mercato piloti 2018

Nove piloti ufficializzati al momento di 18 gennaio 2018, 20:40 Condividi
F2 | Il punto sul mercato piloti 2018

A poco meno di tre mesi dall'inizio del campionato 2018 di F2 sono nove i piloti ad avere già annunciato la loro partecipazione alla nuova serie cadetta del motorsport mondiale, che vedrà il debutto della Dallara F2/18 spinta da un motore Mecachrome V6 turbo da 3,4 litri. Le vetture in griglia saranno 22, divise tra 11 team dei quali quattro hanno già confermato la propria line-up completa. Eccoli nel dettaglio:

Prema Racing: la squadra dominatrice degli ultimi due campionati cadetti si è già presentata ai test di Abu Dhabi con la sua coppia 2018. Alla sua seconda stagione in F2, Nyck de Vries sarà uno dei favoriti per il titolo al volante di una delle Dallara della famiglia Rosin, dopo un campionato passato ad alternare ottime prestazioni e grossolani errori tra i team Rapax e Racing Engineering. Per il giovane olandese si preannuncia una stagione molto importante, considerando anche le attenzioni che Audi ha recentemente rivolto sulla sua figura. Al suo fianco ci sarà Sean Gelael, che tra GP2 e F2 ha già disputato due stagioni e mezzo senza risultati eclatanti, eccezion fatta per il rocambolesco secondo posto conquistato nella feature race austriaca del 2016.

ART Grand Prix: i francesi si presenteranno ai nastri di partenza con due debuttanti decisamente agguerriti: doppia promozione per il campione e il vice-campione 2017 della GP3, George Russell e Jack Aitken, due dei nomi più importanti in chiave futura all'interno del foltissimo vivaio britannico. Russell ha ripercorso la strada di Charles Leclerc, dominando la GP3 al debutto con quattro vittorie e sette podi totali, mentre Aitken ha vinto solo una corsa avendo però ragione dei compagni di squadra Fukuzumi e Hubert per la piazza d'onore del campionato. Accoppiata interessante anche in tema di legami con le squadre di Formula 1: Russell è young driver Mercedes e ha già saggiato la Force India nelle prove libere degli scorsi Gran Premi di Brasile e Abu Dhabi, mentre Aitken è stato confermato all'interno del vivaio Renault.

Arden International: la scuderia inglese è l'unica ad avere finora annunciato un solo pilota tra i suoi ranghi, ossia il giapponese Nirei Fukuzumi. 21 anni tra meno di una settimana, Fukuzumi è parte del programma junior Honda e nelle ultime due stagioni ha corso in GP3 con il team ART, vincendo due gare e totalizzando nove podi. Per quanto riguarda la seconda vettura, nel corso degli ultimi test di Abu Dhabi ad alternarsi al volante sono stati Ralph Boschung, Julien Falchero e Pietro Fittipaldi.

Carlin Motorsport: al rientro in F2 dopo un anno di pausa, vista la partecipazione all'ultimo campionato di GP2 nel 2016, Trevor Carlin calerà da subito l'asso con la presenza di Lando Norris al fianco di Sérgio Sette Câmara. Per il velocissimo 18enne di Glastonbury si tratta a tutti gli effetti di una riconferma, avendo vinto nel 2017 il titolo continentale di Formula 3 con la squadra britannica, ma già tra lo scorso Gran Premio di Abu Dhabi e i successivi test collettivi ha avuto modo di prendere confidenza con i cardini principali della F2 grazie all'appoggio del team Campos. Nonostante Carlin non abbia ben figurato nelle sue ultime stagioni di GP2, considerare il giovane pilota McLaren tra i favoriti per il titolo è d'obbligo. Anche per il brasiliano Câmara non sarà la prima volta con Carlin, visto che questo legame ha già fruttato un terzo posto in occasione del Gran Premio di Macao 2016. Dopo una stagione di costante crescita all'interno del team MP Motorsport, con la vittoria nella sprint race di Spa-Francorchamps e il secondo posto ottenuto a Monza nello stesso format, Câmara può essere annoverato tra gli outsider di questa stagione.

Charouz Racing System: la squadra ceca debutterà in F2 forte di un legame appena instauratosi con Ferrari Driver Academy. Dopo ben sei stagioni assieme al marchio Lotus nella Formula 3.5, culminate con la conquista del titolo piloti e squadre nel 2017, sarà compito del team Charouz rilanciare Antonio Fuoco, reduce da una stagione deludente all'interno del team Prema. Il calabrese non è andato oltre un ottavo posto finale, vincendo la feature race di Monza grazie all'incidente tra Leclerc e de Vries e alla penalità inflitta a Luca Ghiotto, troppo poco se consideriamo i risultati ottenuti da Leclerc con una vettura preparata similmente. Ben più comodo sarà, quest'anno, il confronto con l'altra metà del box, dove Fuoco troverà il figlio d'arte Louis Délétraz: lo svizzero durante il 2017 ha svolto il percorso inverso rispetto a de Vries, iniziando con Racing Engineering per poi trasferirsi in Rapax, team con il quale è riuscito a prendere punti in entrambe le gare di Monza.

Sono quindi disponibili ben undici sedili, che verranno ufficializzati nelle prossime settimane. Il 14 febbraio si terrà il primo shakedown della nuova vettura a Magny-Cours, mentre dal 6 all'8 marzo si comincerà a fare sul serio con le prime prove collettive a Le Castellet.

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.