F2 GP Russia, Russell fa sua Gara 2 ed ipoteca il titolo. Sette Camara ed Albon a podio

L'inglese si presenterà ad Abu Dhabi con 37 punti di vantaggio sul thailandese
F2 | GP Russia, Russell fa sua Gara 2 ed ipoteca il titolo. Sette Camara ed Albon a podio
di 30 settembre 2018, 11:22

George Russell ipoteca con forza il titolo F2 2018 con la vittoria in Gara 2 del GP di Russia. L'inglese del team ART vince la seconda corsa di Sochi davanti a Sergio Sette Camara ed Alex Albon, allungando a 37 punti in classifica sul thailandese con il solo appuntamento di Abu Dhabi da correre ancora.

L'inglese, partito quinto, guadagna la testa della corsa nel corso del quinto giro su Fukuzumi e nemmeno la pioggia caduta sul tracciato lo disturba sulla via di un'importantissima vittoria. Weekend nerissimo per Lando Norris: anche in Gara 2 l'inglese segna uno zero che lo esclude dalla lotta al titolo. Si consolerà comunque con l'approdo in F1 nel 2019 al volante della Mclaren.

CRONACA

Per effetto della griglia invertita Nirei Fukuzumi è in pole davanti ad Alessio Lorandi. Seconda fila per Antonio Fuoco e Sergio Sette Camara, terza per George Russell e Nyck De Vries, sesta per Nicholas Latifi ed Alex Albon, vincitore ieri. I giri da percorrere sono 21.

Lando Norris fatica a partire dalla sua diciottesima piazzola, frutto del ritiro di ieri.

In partenza il solito caos in curva uno con diverse monoposto che vanno lunghe e bisogna attendere la curva tre per capire la situazione. Fukuzumi mantiene la testa della corsa seguito da Latifi e Lorandi quando l’italiano, in curva 5, tampona il canadese costringendo entrambi al ritiro. Viene mandata in pista la Safety Car per rallentare il gruppo mentre le due monoposto di Dams e Trident vengono recuperate.

2° giro: alle spalle di Fukuzumi si trova quindi George Russell, quinto al via, davanti a sette Camara, Fuoco ed Albon.

3° giro: si riparte all’inizio del terzo giro con le prime posizioni che vengono mantenute invariate. Buona la rimonta di Ghiotto che approfittando del caos in partenza è già decimo dopo essere partito dal fondo. Norris è 15°.

4° giro: Russell è attaccato alla coda di Fukuzumi in attesa del DRS.

5° giro: ed infatti Russell passa facilmente sul rettilineo iniziale conquistando la prima posizione.

6° giro: Russell fa segnare il giro più veloce mettendo tra sé e Fukuzumi un secondo e quattro al primo passaggio. Seguono Sette Camara, Fuoco, Albon, De Vries, Merhi, Markelov, Makino e Ghiotto che chiude la top ten.

7° giro: altro passaggio e vantaggio che aumenta per Russell: Fukuzumi è a 2.2 dall’inglese ma è in crisi così come Fuoco e De Vries: Markelov che in un solo giro passa in quinta posizione.

8° giro: Sette Camara ha passato Fukuzumi portandosi in seconda posizione dietro Russell. Albon è già sulla scia del giapponese mentre Markelov sta arrivando alle loro spalle.

9° giro: Albon passa su Fukuzumi e sale in terza piazza. Il giapponese a breve avrà da difendersi da Markelov. Davanti Russell ha tre secondi di vantaggio su Sette Camara. Intanto vengono comminati 10 secondi di penalità a Norris per non aver rispettato la sua posizione durante il giro di formazione.

10° giro: altro sorpasso per Markelov che si porta in quarta posizione passando Fukuzumi: il giapponese va anche lungo nel corso del giro e perde il quinto posto regalandolo a De Vries.

11° giro: a Sochi è arrivata la pioggia e a farne le spese per primo è Niko Kari che va a sbattere dovendosi ritirare.

12° giro: i tempi si alzano di quasi quindici secondi: Aitken resta fermo al centro della pista dopo essersi girato.

13° giro: viene attivata la VSC con la pioggia che aumenta. Arrivano i primi pit stop per montare gomme rain.

14° giro: tutti ai box con Norris che ha leggermente anticipato la sosta rispetto agli altri mentre Fuoco, Deletraz e Ghiotto non sono ancora rientrati.

15° giro: Fuoco insiste a restare in pista insieme al compagno di squadra mentre Ghiotto rientra. C’è però troppa pioggia e Russell è ormai in rimonta sui due di testa. L’inglese passa subito Deletraz e si lancia all’inseguimento di Fuoco.

16° giro: Russell si riporta in testa e scappa via da Fuoco mentre è arrivato anche Sette Camara che passa l’italiano al primo tentativo. Stessa sorte contro Albon che passa prima della fine del giro.

17° giro: Russell chiude il primo giro in testa con 5.4 su Sette Camara e 7.9 su Albon. Il weekend di Norris giunge a conclusione con l’ennesima sfortuna quando si deve fermare con la posteriore destra forata dopo un contatto con Maini.

18° giro: a tre giri dal termine Russell comanda su Sette Camara, Albon, Markelov, De Vries, Fuoco.

19° giro: bella lotta tra De Vries e Markelov per la quarta posizione mentre Russell in testa aumenta il suo vantaggio a 8.2 su Sette Camara. Maini torna ai box per cambiare l’ala anteriore dopo il contatto con Norris.

20° giro: De Vries sfrutta un’indecisione di Markelov e riesce a guadagnare la quarta posizione sul russo.

Ultimo giro: con Russell solitario Albon tenta un disperato ricongiungimento su Sette Camara per la seconda posizione. L’inglese vince e piazza un mattone pesante per il titolo: Sette Camara è secondo davanti ad Albon. De Vries è quarto davanti a Markelov, Merhi, Fukuzumi, Boccolacci, Fuoco e Gunther.

Con questo risultato Russell si avvicina alla doppietta GP3/F2. L'inglese arriverà ad Abu Dhabi con 248 punti in classifica contro i 211 di Albon ed i 197 di Norris.

Segue il risultato di gara.


Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.