F2 Brutte notizie per Artem Markelov: guai giudiziari per il papà

Valery Markelov è stato arrestato con l'accusa di corruzione
F2 | Brutte notizie per Artem Markelov: guai giudiziari per il papà
di 04 ottobre 2018, 11:30

Il weekend di casa a Sochi ha portato una notizia molto negativa per Artem Markelov,  il quale potrebbe veder messe a serio rischio le sue speranze di approdare in Formula 1 nella prossima stagione. Il padre del 24enne moscovita, Valery, è stato infatti arrestato nella località sulle rive del Mar Nero, nell'ambito di un'inchiesta per corruzione.

Stando a quel che rende noto il sito specializzato Crime Russia, Valery Markelov è indagato per un caso di corruzione coinvolgente il vice capo della GUEBiPK, dipartimento del Ministero degli interni, Dmitry Zakharchenko. Quest'ultimo di recente ha subito il sequestro di una somma molto ingente, la gran parte dei quali, secondo gli inquirenti, proverrebbe proprio da Valery Markelov, sottoforma di mazzette.

Il papà del pilota del team Russian Time è tra i fondatori di Lengiprotrans, il più grande appaltatore di Russian Railways, azienda oggetto del contendere dell'inchiesta e più grande sponsor della carriera del ragazzo. Proprio sotto questo punto di vista, questi guai giudiziari rischiano seriamente di pregiudicare il futuro di Artem, da settimane dato tra i papabili per uno dei due sedili della Williams.

Markelov, che proprio a Sochi è sceso in pista nelle PL1 della Formula 1 al volante della Renault, attualmente occupa la 5° posizione nel campionato di Formula 2 con 166 punti e tre vittorie, ottenute nella Feature Race a Monaco e nella Sprint Race in Bahrain ed al Red Bull Ring.

Membro dello Junior Team della Renault, l'approdo di Daniel Ricciardo e la conferma di Nico Hulkenberg hanno chiuso al momento le porte di Enstone. Motivo per cui il suo focus si è spostato sul derelitto team che fu di Frank Williams. I problemi del padre, com'è chiaro, potrebbero mettere tutto in discussione e, perché no, riaprire le porte in extremis ad Esteban Ocon.

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.