F1 Vasseur: "L'arrivo di Leclerc ha spinto Ericsson ad innalzare il proprio livello"

Il team principal della Sauber ha elogiato il lavoro dello svedese
F1 | Vasseur:
di 24 aprile 2018, 09:00

Una delle sorprese in positivo di questa primissima fase di stagione 2018 della Formula 1 è sicuramente costituita dal pilota svedese della Sauber, Marcus Ericsson. Dato dai più come spacciato nel confronto con il titolato rookie Charles Leclerc, il 27enne scandinavo, reduce da due annate senza far segnare punti iridati, ha al contrario messo in mostra prestazioni più che buone.

Alla sua quinta stagione nel Circus (quarta di fila con la scuderia di Hinwil), il nativo di Kumla ha battuto Leclerc in qualifica sia a Melbourne che al Sakhir, pista sulla quale ha colto un inatteso quanto meritato 9° posto che gli è valso i primi due punti iridati dal Gran Premio d'Italia 2015, quando ottenne lo stesso risultato. Frederic Vasseur, team principal Sauber, ha voluto sottolineare quanto fatto dal suo pilota finora, spiegando come l'arrivo di un cliente molto scomodo come Leclerc abbia spinto Ericsson ad innalzare l'asticella delle proprie prestazioni.

"Marcus solitamente tende a mettersi tanta pressione sulle proprie spalle" - spiega Vasseur - "L'avere al suo fianco un compagno di squadra come Leclerc, circondato da tante aspettative, è stato per lui come avere una motivazione extra. Alla fine dello scorso anno, in tanti si lamentarono della nostra scelta di rinnovare Marcus e di non confermare Wehrlein. Ma lui stava facendo bene già nell'ultima parte della scorsa stagione. Ha svolto un ottimo lavoro rispetto al passato".

"Si è impegnato tanto quest'inverno, perdendo molto peso" - continua l'ex Renault - "Guardando ai primi appuntamenti, è chiaro il miglioramento delle sue prestazioni sin dall'inizio del weekend. Uno dei suoi punti deboli, lo scorso anno, era probabilmente quello di partire piano nelle prime uscite in pista, perdendo poi tempo per tornar su, dato che partiva da troppo lontano. In questo 2018 ha cominciato decisamente meglio, risultando molto più performante sin dall'inizio. E questo è un bene sia per lui che per il team".

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.