F1 Trasferito a Maiorca, poi no: l'ennesima bufala su Michael Schumacher

Tutti i media rilanciano la notizia di un trasferimento in Spagna, salvo poi dover fare dietrofront
F1 | Trasferito a Maiorca, poi no: l'ennesima bufala su Michael Schumacher
di 16 agosto 2018, 20:38

Eppure sarebbe tutto molto semplice: basterebbe tenere fede ai pochi ma chiari comunicati della famiglia e certe notizie non si espanderebbero a macchia d'olio per poi dover essere smentite. Ancora una volta tanto rumore per nulla attorno alla vicenda di Michael Schumacher. Il tedesco, in 24 ore, è passato dall'essere trasferito definitivamente a Maiorca con la famiglia al restare tranquillo nella sua residenza in Svizzera. 

La prima notizia si è diffusa velocemente in tutto il mondo nella giornata di Ferragosto: "Schumacher si trasferisce a Maiorca! E molto probabilmente nella villa da 30 milioni di euro che sua moglie Corinna ha comprato in primavera".

Sembra vero, ma non del tutto.

La manager Sabine Kehm ha riferito successivamente alla Bild che “la famiglia Schumacher non ha intenzione di trasferirsi a Maiorca”.

La notizia ricevuta dalla Bild era parzialmente corretta: la famiglia Schumacher ha comprato la residenza dell’ex presidente del Real Madrid Florentino Perez nel sud dell’isola. Ma non sarà un altro luogo di riabilitazione, come quello di Ginevra in seguito all’incidente sugli sci del 2013. Non ci sarà un trasferimento permanentemente, ma sarà piuttosto un luogo di vacanza.

La notizia di un trasferimento definitivo nell'isola iberica era arrivata ieri (o almeno così era sembrato) direttamente dal sindaco di Andratx Katia Rouarch, che alla rivista svizzera “Illustre” aveva detto: “Posso dichiarare ufficialmente che Michael Schumacher si stabilirà nel nostro comune e faremo di tutto per poterlo accogliere”. Probabilmente è stato un errore di traduzione dallo spagnolo al tedesco.

Un portavoce del sindaco ha però corretto il tiro alla Bild: “Il nostro sindaco non ha mai detto che Schumacher si sarebbe trasferito a Maiorca e che stiamo preparando misure di sicurezza per il suo arrivo. Molto probabilmente c’è stato un errore di traduzione. L’unica cosa che Katia Rouarch ha detto è che se la famiglia si fosse trasferita ad Antratx, la città sarebbe stata pronta. In ogni caso, la famiglia Schumacher sarebbe stata trattata come tutti gli altri abitanti di Antratx".

Insomma, l'ennesimo caso di fretta mediatica che non ha creato altro che trambusto ingiustificato ed un nuovo tam-tam sulle condizioni del tedesco. Non è la prima volta e, a questo punto, è difficile pensare che sarà l'ultima. Anche se basterebbe davvero un attimo di attenzione in più, da parte di tutti.

(Si ringrazia Gabriele Dri per le traduzioni dal tedesco)

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.