F1 Philippe Bianchi: penso a Jules ogni giorno

F1 | Philippe Bianchi: penso a Jules ogni giorno
di 18 luglio 2016, 16:00

Il padre di Jules Bianchi, Philippe Bianchi, ha parlato in un’intervista breve ed esclusiva alla CNN.

Era un figlio stupendo, un bravo ragazzo, un buon amico. Era davvero un ragazzo speciale…” ha dichiarato Bianchi visibilmente commosso durante tutta l’intervista. “Penso a lui ogni giorno, guardo sempre le sue foto e piango. È veramente molto, molto difficile” ha proseguito.

Sull’incidente - e sulla presunta responsabilità di Jules nel non aver rallentato abbastanza - Philippe Bianchi ha ribadito: “Quell’incidente non era qualcosa da Formula 1. Poteva accadere su strade normali, ma non in Formula 1. Quello che voglio è giustizia per Jules - lui è qui tra noi - e quando sento qualcuno dire che è responsabilità sua… Credo che tutto questo non sia possibile”. La famiglia, come annunciato nei mesi precedenti, si sta muovendo da un punto di vista legale, per far chiarezza e rendere giustizia a Jules.

Credo che la Formula 1 debba essere spettacolare, ma non più pericolosa. Perché… Mio figlio adesso è morto” ha concluso Philippe, che ha anche spiegato che uno dei progetti della famiglia Bianchi è la Jules Bianchi Society, che vuole far crescere i piloti del futuro e magari, un giorno, portarne uno in Formula 1.

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.