F1 Liberty Media svela i suoi piani per il 2021

Parecchie idee ma, per il momento, pochi fatti concreti
F1 | Liberty Media svela i suoi piani per il 2021
di 06 aprile 2018, 12:49

Sul circuito di Sakhir, in Bahrain, Liberty Media ha finalmente svelato ai team il proprio modo di intendere la Formula 1, il quale servirà da base per la scrittura delle nuove regole che entreranno in vigore dal 2021. A poche ore dal termine del meeting, Liberty ha diffuso le proprie idee tramite un comunicato pubblicato sul sito ufficiale della Formula 1. Questi sono i punti salienti:

Power Units

Le nuove power units dovranno essere più economiche, più semplici, più rumorose e più potenti, riducendo però la necessità di penalizzazioni sulla griglia di partenza. Al tempo stesso la tecnologia sviluppata dovrà essere applicabile anche sulle strade di tutti i giorni, attraendo nuovi Costruttori e permettendo ad ognuno di realizzare una PU unica ed originale; i team clienti, inoltre, dovranno aver accesso a propulsori che abbiano prestazioni equivalenti a quelli dei team ufficiali.

Costi

La novità più importante riguarda l'introduzione di un budget cap che da un lato impedisca ai top team di spendere cifre esagerate, ma che dall'altro sia ancora sufficientemente elevato da far sì che la tecnologia presente in Formula 1 rappresenti ancora lo stato dell'arte; si sottolinea inoltre il fatto che la diversità tra le macchine rimarrà un valore fondamentale, anche se probabilmente alcune componenti verranno standardizzate. L'idea alla base della filosofia di Liberty Media è quindi che il modo in cui verranno spesi i soldi dovrà essere più importante della quantità di denaro effettivamente speso.

Ricavi

Su questo punto Liberty dimostra di essere piuttosto ambigua: se da un lato sostiene la necessità di riconoscere il valore dei marchi storici, dall'altro manifesta la necessità di ridistribuire i ricavi utilizzando dei criteri che facciano maggiormente riferimento al merito di ciascuna squadra, dando quindi una maggiore importanza alla classifica Costruttori nel campionato precedente. Nelle intenzioni di Liberty Media la vera novità è rappresentata dalla volontà di distribuire i proventi non solo tra le squadre, ma anche tra i motoristi.

Regolamenti tecnici e sportivi

L'obiettivo primario da questo punto di vista è la scrittura di regolamenti che permettano alle macchine di rimanere più vicine tra loro, aumentando i duelli e le possibilità di sorpasso: nonostante persista la necessità di mantenere la tecnologia come elemento fondamentale della Formula 1, il talento del pilota dovrà essere il fattore predominante. Si ribadisce inoltre la necessità di valorizzare le differenze tra le monoposto lasciando libertà per quel che riguarda power units, sospensioni ed aerodinamica; tuttavia le aree della vettura meno interessanti per gli spettatori dovranno essere standardizzate

Governance

Sotto questo aspetto, Liberty si è limitata a comunicare che la struttura che lega tra loro i team, la Formula 1 e la FIA dovrà essere resa più semplice e snella.

 

Insomma, ancora una volta non sembrano essere chiare le intenzioni dei nuovi proprietari della Formula 1: parecchi punti sembrano essere in contrasto piuttosto netto tra loro e non è ben chiaro come sia possibile, ad esempio, conciliare la differenziazione tra le monoposto (che inevitabilmente produce dei gap prestazionali) con la volontà di far sì che le performance siano determinate in primis dal talento del pilota. Vedremo nei prossimi mesi in che modo questa "vision" verrà tradotta nei regolamenti futuri.

Immagine di copertina da https://twitter.com/MercedesAMGF1

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.