F1 GP Singapore, gara: la parola a Force India, Williams, Renault e Toro Rosso

Follia Perez, una buona gara per Carlos Sainz
F1 | GP Singapore, gara: la parola a Force India, Williams, Renault e Toro Rosso
di 17 settembre 2018, 19:00

Seguono le dichiarazioni dei piloti di Force India, Williams, Renault e Toro Rosso dopo il Gran Premio di Singapore.

FORCE INDIA

11 | SERGIO PEREZ

"Mi sento molto triste per l'opportunità persa oggi. Al primo giro stavo uscendo dalla Curva Tre, e tutto ad un tratto ho sentito un colpo. Non sapevo chi fosse e poi la squadra mi ha detto che era Esteban. Mi sento così male per la squadra, perché abbiamo davvero bisogno di andare a punti in ogni gara e avrebbe dovuto essere un grande giorno per noi. In seguito, la gara è diventata piuttosto difficile e presto ho capito che sarebbe stato difficile ottenere punti. Penso che abbiamo sottovalutato la Williams e Sirotkin si stava difendendo molto duramente. Quando finalmente l'ho raggiunto, ho cercato di chiudere la porta un po' troppo presto e ci siamo toccati. È un weekend da dimenticare e mi dispiace davvero per quello che è successo e per i punti che abbiamo perso".

31 | ESTEBAN OCON

"È una grande delusione essere fuori gara così presto, soprattutto quando abbiamo una monoposto con un ottimo passo gara. La macchina è andata benissimo questo fine settimana e sapevamo che un ottimo risultato fosse possibile, ma invece abbiamo lasciato Singapore con zero punti. Non ho intenzione di analizzare cosa è successo all'inizio. Tutto quello che dirò è che sono uscito bene dalla linea e ho colto l'opportunità di superare Sergio. Ho sentito un colpo e ero a muro. L'unico dato positivo di questa sera è che abbiamo una macchina forte e possiamo tornare a punti in Russia. Ci sono ancora sei gare rimanenti per raccogliere più punti che possiamo, quindi volteremo pagina e continueremo a lavorare duro per la prossima gara".

WILLIAMS

18 | LANCE STROLL

"Dovrò riguardare la gara, perché non so cosa sia successo intorno a me, ma penso che ci sia stato un po' di caos, quindi probabilmente ne ho tratto beneficio. Sono davvero contento del risultato finale dato che il 14° era un grande risultato, per il ritmo che abbiamo avuto ieri e per tutto il weekend. Non è stato facile - direi più mentalmente che fisicamente - mi sentivo abbastanza bene in macchina, non è stato facile perché ogni millimetro conta qui e un millimetro di troppo vuol dire andare a muro, stavo cercando di ottenere tutto in ogni giro. Sono felice".

35 | SERGEY SIROTKIN

"E' stato un bel combattimento, ho combattuto fino in fondo, eravamo in una buona posizione all'inizio della gara e fino a quando non ci siamo toccati con le Force India. Ho avuto un sacco di danni alla mia macchina e dopo è stato più sopravvivere, e Singapore è una pista difficile dove superare, quindi ho fatto tutto quello che potevo per proteggere la macchina e mantenere la mia posizione, ma giro dopo giro, stava diventando più difficile e la macchina stava andando in pezzi, ho dato tutto in termini di me stesso e della macchina per portare a casa la migliore prestazione".

RENAULT

27 | NICO HULKENBERG

"Non sono troppo soddisfatto del risultato, perché so che avrebbe potuto essere migliore. Ho perso due posizioni all'inizio e da lì ci è costato parecchio. Abbiamo ceduto presto, optando per un undercut aggressivo e che inizialmente ha funzionato bene, ma dopo siamo stati coinvolti nel traffico. Ho approfittato della collisione di fronte a me per entrare nei punti, ma avremmo potuto avere di più, quindi alla fine, ho sentimenti contrastanti".

55 | CARLOS SAINZ JR.

"Sono molto soddisfatto del risultato di oggi. Ieri non ero felice, ma mi sono svegliato sapendo che avevamo una buona possibilità in gara. Abbiamo avuto una buona partenza per aumentare le nostre possibilità di entrare nella top ten. L'ottavo posto non è male per oggi, ma avrei preferito finire più in alto. Cinque punti per la squadra sono importanti per il campionato e manteniamo la distanza dai nostri rivali. In generale, sono contento oggi, perché abbiamo fatto una buona gara".

TORO ROSSO

10 | PIERRE GASLY

"È stata una gara un po’ strana oggi. Ho fatto una buona partenza e ho recuperato tre posizioni: dopo il primo giro, ero dodicesimo. Abbiamo azzardato con le gomme e siamo partiti con le Hypersoft, ma alla fine è stato più difficile di quel che pensavamo: ho davvero faticato a farle resistere fino alla fine dello stint. Dopo il primo pit-stop ero in mezzo alla battaglia con Sirotkin e Grosjean, ma con tutte le bandiere blu ho perso un po’ di tempo. Oggi ho provato a fare il massimo, ma per tutto il weekend non ho avuto il ritmo giusto per puntare alla zona punti".

28 | BRENDON HARTLEY

"Abbiamo provato a fare un pit-stop molto anticipato, sono stato più veloce rispetto a quelli davanti sulle Hypersoft. Abbiamo montato le Ultrasoft, ma in diversi ci hanno marcato e siamo tornati nel traffico, quindi non ha funzionato. Abbiamo deciso così di fare un’altra sosta, ma sono rimasto bloccato alle spalle di una Williams e ho perso una posizione a favore di Magnussen. C’erano un paio di buone occasioni oggi, ma non avevamo il passo per la zona punti. È deludente, perché avevamo grandi speranze per Singapore. È stata una gara difficile, abbiamo tagliato il traguardo ma non possiamo certo festeggiare. La scelta di iniziare sulle Hypersoft è stata presa perché sapevamo che, potenzialmente, le avremmo gestite meglio rispetto ai nostri avversari e speravamo poi di recuperare terreno al primo giro, ma è stato un po’ complicato perché Ocon è finito a muro. Ma siamo stati comunque competitivi nel primo stint con le Hypersoft. Abbiamo provato a fare qualcosa di diverso per rimontare, ma non ha funzionato".

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.