F1 | GP Monaco 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull

F1
GP Monaco 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull

Hamilton e Bottas per l'ennesima prima fila Mercedes. 3° Verstappen, male la Ferrari di 25 Maggio 2019, 20:14

Seguono le dichiarazioni dei piloti di Mercedes, Ferrari e Red Bull al termine delle Qualifiche del Gran Premio di Monaco 2019. Ancora una dimostrazione di forza della Mercedes, che ottiene un'altra prima fila tutta d'argento, con Lewis Hamilton autore dell'85.esima pole in carriera, con tanto di record della pista (1:10.166), e Valtteri Bottas (+0.086) a completare la 62.esima prima fila tutta Mercedes (eguagliato il primato di Ferrari, McLaren e Williams). Positivo il sabato in casa Red Bull, con Max Verstappen 3° (+0.475) e Pierre Gasly 5° (+0.875), il quale però partirà 8°, essendo stato penalizzato di tre posizioni per 'impeding' ai danni di Romain Grosjean. Ancora un disastro per la Rossa: Sebastian Vettel è 4° (+0.781), Charles Leclerc addirittura 16°, eliminato in Q1 dopo un grave errore strategico e di calcolo del muretto box.

MERCEDES

44 | LEWIS HAMILTON

F1 | GP Monaco 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 1

"Questa è una delle pole più belle che io ricordi. Abbiamo raggiunto tanti traguardi negli ultimi anni, ma fatico a ricordare una pole importante come questa. Per me e per tutto il team è stato una settimana difficile, ma è incredibile quello che, come squadra, siamo riusciti a fare finora in questo weekend, spingendo sempre al massimo per migliorare e rendere al meglio. Sono orgoglioso di tutti. Il clima che si respira è ovviamente triste, e stiamo facendo di tutto per dedicare la vittoria a Niki. Negli anni non ho mai avuto tanto successo su questa pista, soprattutto in Qualifica; questo giro, però, si avvicina alla perfezione e lo dedico a Niki".

77 | VALTTERI BOTTAS

F1 | GP Monaco 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 2

"Di certo avevo le potenzialità per centrare la pole oggi. Il mio primo giro in Q3 è stato molto buono, ma sentivo di avere ancora due o tre decimi in tasca. Purtroppo, nella preparazione del mio ultimo tentativo, sono rimasto bloccato nel traffico e non ho potuto adeguatamente scaldare gli pneumatici. Sin dall'inizio del giro non avevo buone sensazioni; poi dai maxischermi ho visto Lewis conquistare la pole; a me ha dato fastidio, ma per il team è certamente un'altro risultato super. Domani abbiamo una lunga gara davanti a noi e tutto potrà succedere; curva 1 è molto vicina alla partenza, per cui è complicato fare la differenza. Ma voglio dare tutto e sfruttare qualsiasi occasione dovesse presentarsi".

FERRARI

5 | SEBASTIAN VETTEL

F1 | GP Monaco 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 3

"Essere quarto a Monaco è una buona notizia, mentre partire dietro non lo è. La maggior parte del lavoro doveva essere svolta oggi, ed abbiamo provato a dare il massimo. Peccato per quanto avvenuto in Q1, dove eravamo tutti molto vicini e perdere una macchina in quella fase non è stato bello. La pista è migliorata più di quanto ci aspettavamo e, in sintesi, abbiamo anche rischiato di finire fuori con entrambe le monoposto. Nel complesso non avevamo velocità e ho faticato a far funzionare gli pneumatici, mancando anche il giusto feeling con la monoposto. L’anteriore non funziona, ma dobbiamo stringere i denti per cercare di capire tutto il possibile. Stamani, in FP3, Charles era molto contento della monoposto, e anche io lo ero, nei pochi giri completati; al pomeriggio, però, tutto è cambiato. Questa è la nostra situazione al momento, dobbiamo accettarla e provare a ripartire".

16 | CHARLES LECLERC

F1 | GP Monaco 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 4

"Sono più deluso che arrabbiato. E' un momento difficile, perché a casa, in una pista come Monaco, ma anche in generale, non possiamo permetterci di finire fuori in Q1. Ora non si può più fare nulla, ma è un momento complicato e domani lo sarà ancora di più, perché questa è una pista in cui non si sorpassa. Cosa è successo in quei minuti in Q1? Ho chiesto al team se ce l'avremmo fatta, anche perché avevamo solo 1 decimo e mezzo di vantaggio su chi invece era fuori a girare; e non ho avuto risposta. Dopo mi hanno solo detto che avrei dovuto farcela, però ad un minuto circa dalla bandiera scacchi abbiamo capito che non ce l'avremmo fatta a superare il taglio. Ormai era troppo tardi per provare a fare qualcosa".

a

RED BULL

10 | PIERRE GASLY

F1 | GP Monaco 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 5

"E' stata una qualifica positiva, così come il piazzamento in griglia. Mi sarebbe piaciuto superare Sebastian, 4° a meno di un decimo da me; ma in Q3 non sono stato granché soddisfatto del mio giro, faticando a mettere assieme tutti i settori. Le cose continuano a migliorare, ma ho ancora più prestazione da tirar fuori, lavorando con gli ingegneri per trovare un equilibrio che mi aiuti a tirar fuori il massimo da me stesso. Domani potrebbe piovere, e sinceramente non mi dispiacerebbe, poiché in quelle condizioni su questa pista possono sempre accadere cose molto interessanti. Siamo molto fiduciosi riguardo al nostro passo gara, ma la nostra opportunità principale l'avremo nei primi metri, dove speriamo di poter recuperare qualche posizione".

33 | MAX VERSTAPPEN

F1 | GP Monaco 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 6

"Sono state delle qualifiche emozionanti e sono felice del 3° posto; era il massimo al quale oggi potevamo puntare. Tutta la squadra e i miei meccanici hanno lavorato duramente, e spero possano essere contenti anche loro di questo piazzamento. E' chiaro che come pilota vorresti essere sempre in pole, ma bisogna essere realisti; in Q2 siamo andati molto bene, ma ci aspettavamo che le Mercedes avessero ancora un bel pò di prestazione da parte. In Q3, nel giro finale, non eravamo a posto con la temperatura degli pneumatici, e ciò ci è costato un giro abbastanza lento; ma oggettivamente la prima fila era fuori portata. Nel complesso, comunque, il feeling è ottimo e vogliamo continuare a spingere per migliorare ancora. Superare qui è molto complicato; ma se riusciremo a stare vicini nel corso della gara, forse potremo far qualcosa a livello di strategia. Qualunque cosa accada, il mio obiettivo è di ottenere il massimo possibile".


Condividi