F1 | GP Italia 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull

F1
GP Italia 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull

Una Q3 caotica per i top team di 08 Settembre 2019, 09:45

Seguono le dichiarazioni dei piloti di Mercedes, Ferrari e Red Bull dopo le qualifiche del Gran Premio d'Italia.

MERCEDES

44 | LEWIS HAMILTON

F1 | GP Italia 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 1

"Non abbiamo ottenuto la pole ma alla fine la Ferrari è sempre stata forte qui e Charles ha fatto un ottimo lavoro oggi. Sono stato sfortunato con Kimi che si è girato proprio davanti a me, quindi ho dovuto alzare il piede all'ultima curva del mio primo giro. La fine della Q3 è stata un po' un anti-climax; non potevamo uscire e fare l'ultimo giro, che di solito è una delle parti più emozionanti di un weekend di gara. Quindi è deludente il fatto che non siamo riusciti a centrare tutto correttamente nell'ultimo giro. È bello poter essere in prima fila e separare le Ferrari. Insieme abbiamo una buona possibilità come squadra per prendere le Ferrari, ma vedremo domani".

77 | VALTTERI BOTTAS

F1 | GP Italia 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 2

"Penso di essere stato abbastanza sfortunato oggi con la bandiera gialla all'ultima curva del mio primo giro. Kimi è uscito e ho dovuto alzare il piede. Anche con quel giro ero abbastanza vicino a Charles e Lewis, quindi avrebbe potuto essere un giorno migliore per me. Poi il giro finale è stato caotico per tutti. Abbiamo finito il tempo alla fine della Q3. Sono rimasto bloccato nel traffico e quindi era troppo tardi per arrivare a fare un secondo giro veloce. È un peccato, tutti avremmo voluto fare quel giro e sono sicuro che anche che tutti lo avrebbero voluto vedere; speriamo di poter imparare da questo. Ma in generale, il ritmo è stato buono e sono contento della mia prestazione oggi. Sono felice di essere proprio dietro la prima fila; sappiamo tutti che è la gara che conta. Il nostro ritmo di gara sembrava buono ieri".

FERRARI

5 | SEBASTIAN VETTEL

F1 | GP Italia 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 3

“Oggi ero felice di come andava la vettura e anche delle qualità dei miei giri, ma non posso certo essere soddisfatto di come è andata la qualifica. Al termine del Q3 infatti la maggior parte dei piloti non è riuscita ad effettuare il proprio tentativo. Il mio primo giro lanciato l’ho fatto da solo, senza scie, ed è stato molto buono. Poi per il secondo siamo usciti al limite del tempo e ho iniziato a cercare una scia. È stato però chiaro che avevamo atteso troppo e non c’è più stato modo di completare il programma che avevamo previsto. Alla fine, in sostanza, non mi è rimasto nulla da fare se non abortire il giro, perché quando sono arrivato sul rettilineo le luci erano già rosse. Per questo non posso certo dirmi soddisfatto. Detto questo, partire dalla quarta posizione qui mi permette di avere ancora delle buone possibilità di fare bene. Vediamo domani come va”.

16 | CHARLES LECLERC

F1 | GP Italia 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 4

“È stato bellissimo scendere dalla vettura e sentire l’applauso dei nostril tifosi sulle tribune. Al contrario è un peccato per quello che è successo a Seb che aveva le carte in regola per far meglio o comunque completare una prima fila tutta Ferrari, un risultato che ci saremmo meritati. Il Q3 è stato a dir poco caotico. Negli ultimi minuti ci siamo trovati in una situazione anomala, nella quale due vetture bloccavano tutto il gruppo. Seb mi ha sorpassato perché probabilmente ha capito che il tempo stringeva. A quel punto anch’io mi sono messo a caccia di una scia e ho poi sorpassato Seb prima dell’ultima curva così da potergli restituire la scia. Sfortunatamente però non siamo riusciti nel nostro intento. In vista della gara il nostro passo è sembrato buono nelle seconde prove libere anche se chiaramente il vantaggio sui nostri avversari è più ridotto che a Spa-Francorchamps. Il DRS e le scie a Monza sono molto importanti e quindi, partendo davanti, l’obiettivo dei primi tre giri sarà cercare di creare un gap tra me e gli inseguitori sufficiente a non dare ai rivali la possibilità di sfruttare questi vantaggi”.

a

RED BULL

23 | ALEX ALBON

F1 | GP Italia 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 5

"Anche se sto ancora imparando ciò che occorre alla macchina per essere veramente veloce, mi sono sentito bene prima del tentativo finale in Q3. Stavo combattendo per la P4 o la P5 in griglia ma poi è stata esposta la bandiera rossa e il giro è stato compromesso. Al secondo giro è stata più una priorità per noi fare un buon tempo, ma i ragazzi che avevano già fatto un giro potevano permettersi di essere un po' più lenti. Tutti sono usciti troppo tardi perché nessuno voleva essere davanti e questo ha creato un ritardo. Queste auto hanno un sacco di resistenza, quindi ottenere una scia può farti guadagnare altri due o tre decimi di cui hai bisogno per salire in classifica. Stavo cercando di passare le altre macchine, ma era diventato impossibile. Mi sono reso conto dalla Curva 4 che sarebbe stato difficile farcela. Avremmo dovuto correre meno rischi nel secondo tentativo, ma stavamo lottando per le prime cinque posizioni. È frustrante, perché ottenere una buona posizione in qualifica avrebbe reso la gara di domani molto più semplice, ma ieri ho avuto un buon ritmo, quindi c'è tutto per cui lottare".

33 | MAX VERSTAPPEN

F1 | GP Italia 2019, qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull 6

"Le qualifiche non sono andate esattamente secondo i piani. Volevo uscire e fare un giro per vedere quanto eravamo competitivi in Q1, nonostante la penalità, ma fuori dalla Curva 2 ho sentito una perdita di potenza e abbiamo scelto di interrompere il giro. Non sono preoccupato per la Power Unit perché non abbiamo mai avuto problemi in gara prima e l'aggiornamento sembra funzionare bene in termini di prestazioni, come si può vedere dai nostri tempi nelle prove libere. Sarà piuttosto dura domani poiché i leader dovrebbero essere in grado di allontanarsi rapidamente nei primi giri e ci sono molte macchine che sembrano competitive. Su una pista in cui non ci sono molte curve e i tempi sul giro sono così simili è più difficile colmare quel divario, ma sul bagnato le differenze sono normalmente un po' più grandi e quindi possiamo sicuramente provare a progredire. La pioggia di domani ci darebbe una migliore possibilità ma anche sull'asciutto abbiamo una buona macchina, quindi dovrebbe essere divertente e sto puntando sui primi cinque".


Condividi