F1 | GP Italia 2019: Mercedes, Ferrari, Red Bull

F1
GP Italia 2019: Mercedes, Ferrari, Red Bull

Trionfo di Charles Leclerc davanti alle due Mercedes di 09 Settembre 2019, 08:15

Seguono le dichiarazioni dei piloti di Mercedes, Ferrari e Red Bull al termine del Gran Premio d'Italia.

MERCEDES

44 | LEWIS HAMILTON

F1 | GP Italia 2019: Mercedes, Ferrari, Red Bull 1

"Congratulazioni a Charles oggi, ha fatto un ottimo lavoro, soprattutto considerando la pressione che io e Valtteri stavamo mettendo su di lui. La Ferrari è stata molto veloce sui rettilinei, quindi è stato difficile stare vicino a loro. È sempre deludente seguire un'altra macchina così da vicino ma non essere in grado di prendere il comando. Ma alla fine, stiamo lasciando l'Italia con più punti nel Campionato Costruttori e alla fine questo è ciò che conta. Non guardo alla prossima gara pensando che sarà facile per noi; invece andremo in fabbrica la settimana prossima e analizzeremo tutto come sempre, cercando modi per migliorare la nostra auto, migliorare i nostri processi durante un weekend di gara, e spero di poter fare un lavoro migliore a Singapore. Personalmente adoro questa battaglia tra Ferrari, Red Bull e noi, quindi voglio che continui".

77 | VALTTERI BOTTAS

F1 | GP Italia 2019: Mercedes, Ferrari, Red Bull 2

"Stavo provando di tutto per avvicinarmi a Charles da poter fare una mossa su di lui negli ultimi giri, ma le Ferrari sono state molto veloci sugli rettilinei questo fine settimana, quindi è stato difficile avvicinarmi. Stavo spingendo forte come potevo, ma ogni volta che mi avvicinavo, arrivavo al bloccaggio. Anche se è stato deludente non aver vinto, la nostra performance è stata molto promettente. Siamo venuti a Monza aspettandoci che questa sarebbe stata una delle più difficili gare della stagione per noi, ma che avremmo potuto davvero sfidare le Ferrari. È stata una buona gara in generale da quel punto di vista e penso che possiamo lasciare l'Italia con un sentimento positivo. Sulla carta, le prossime gare dovrebbero giocare un po' di più a nostro favore e non vedo l'ora di lottare con Ferrari e Red Bull nelle prossime settimane".

FERRARI

5 | SEBASTIAN VETTEL

F1 | GP Italia 2019: Mercedes, Ferrari, Red Bull 3

“È stata una grande giornata per Charles: mi congratulo con lui e con tutti i ragazzi. Indubbiamente la mia domenica è invece stata negativa. Al giro 6 ho perso il controllo della vettura e sono finito in testacoda. Si è trattato di un mio errore ed è per questo che non posso che essere deluso.
Al via ero scattato bene ma mi sono trovato la strada sbarrata alla prima variante rimettendoci una posizione. Sono stato capace di riprendermela e stavo iniziando a rimontare sui piloti davanti a me quando ho commesso l’errore che ha compromesso la mia gara. Sono finito sul prato e rientrando in pista non sono riuscito a vedere Lance che sopraggiungeva. Continuo ad amare il mio lavoro ma è evidente che quando fai le cose male, e invece sai di avere il potenziale per farle bene, non puoi essere soddisfatto di te stesso”.

16 | CHARLES LECLERC

F1 | GP Italia 2019: Mercedes, Ferrari, Red Bull 4

“Non trovo le parole per descrivere le sensazioni che ho provato oggi durante la corsa, immediatamente dopo la sua conclusione e poi sul podio. L’emozione di oggi è dieci volte più forte di qualsiasi altra provata nella mia carriera. È qualcosa di molto speciale. Quando inizia un weekend di gara solitamente non penso alla vittoria ma piuttosto a fare il miglior lavoro possibile e mi dico che il risultato rispecchierà la qualità di quanto faccio. Devo però essere sincero: vedendo tutto il supporto da parte dei nostri tifosi qui a Monza, l’unica cosa a cui riuscivo a pensare era la vittoria e siamo riusciti a portarla a casa. Per questo sono incredibilmente felice. La gara è stata esaltante, nel primo stint sono riuscito a tenere la situazione sotto controllo, ma nel secondo mi sono sentito meno a mio agio perché dovevo continuamente tenere d’occhio anche la vettura che mi seguiva dal momento che si era avvicinata. Fare questo per tutta la seconda parte di gara è stato davvero difficile perché sentivo molto la pressione. Voglio ringraziare tutta la squadra per il duro lavoro. Niente sarebbe possibile senza i ragazzi. Un peccato per Seb, che certamente aveva il potenziale per essere con me sul podio. In vista delle prossime gare dobbiamo rimanere concentrati e motivati. Se saremo capaci di fare questo credo che arriveranno i risultati che vogliamo”.

a

RED BULL

23 | ALEX ALBON

F1 | GP Italia 2019: Mercedes, Ferrari, Red Bull 5

"Ci degli aspetti positivi per me, anche se la gara non è andata come previsto. Non è la pista più semplice per noi e abbiamo avuto un weekend piuttosto sfortunato nelle qualifiche. Non ho avuto un buon inizio e ho dovuto lottare per tornare in pista. Sfortunatamente, non abbiamo avuto il passo sui rettilinei per poter superare, quindi ho dovuto fare le mie manovre in curva. Ciò ha comportato molte azioni affiancate e ad un certo punto ho perso un po' troppo grip andando largo. Tuttavia, il mio ritmo di gara sta migliorando e sento di aver fatto un buon passo avanti da Spa, quindi, personalmente, sono contento. Spero che a Singapore andrà meglio in quanto ci sarà più carico aerodinamico e più curve".

33 | MAX VERSTAPPEN

F1 | GP Italia 2019: Mercedes, Ferrari, Red Bull 6

"Ho avuto un danno all'ala anteriore alla Curva 1, tagliando la gomma posteriore di Sergio. Abbiamo quindi optato per una nuova ala anteriore e la gara era ancora in corso, e avevo un buon passo a pista libera. Sono riuscito a passare un bel po' di macchine, ma siamo stati sfortunati con la Virtual Safety Car, il giro dopo il pit stop, perché delle monoposto che ero riuscito a sorpassare, le avevo davanti a me di nuovo. Le ho passati di nuovo tutte, ma è stato piuttosto impegnativo per le mie gomme e alla fine sono rimasto bloccato dietro Perez per la seconda volta in gara. Non riuscivo a superarlo perché era così veloce sui rettilinei. Abbiamo fatto alcuni passi avanti con il ritmo della Power Unit, ma ovviamente continueremo a lavorare sodo per migliorare ulteriormente. Con quello che è successo alla Curva 1, arrivare ottavo non è poi così male e queste cose hanno sempre maggiori probabilità di accadere quando si inizia da dietro. Le ultime due gare saranno difficili per noi e ora non vedo l'ora di avere un weekend di gara più normale".


Condividi