F1 GP Gran Bretagna, gara: le dichiarazioni di Force India, Williams, Renault e Toro Rosso

Bene Hulkenberg e le Force India. Nulla di fatto per Toro Rosso e Williams
F1 | GP Gran Bretagna, gara: le dichiarazioni di Force India, Williams, Renault e Toro Rosso
di 09 luglio 2018, 17:41

Seguono le dichiarazioni dei piloti di Force India, Williams, Renault e Toro Rosso al termine del Gran Premio di Gran Bretagna, decima prova del mondiale di F1 2018. La Renault sorride con il 6° posto di Nico Hulkenberg, mentre Carlos Sainz Jr. viene eliminato da un contatto con Romain Grosjean. Doppio arrivo a punti per le Force India, con Esteban Ocon 7° e Sergio Perez 10°, che sfrutta la penalità di 5" inflitta sul tempo finale di gara a Pierre Gasly, poi 13°. Nemmeno partito Brendon Hartley, dopo il brutto incidente di sabato mattina. Ancora a fondo le Williams, con Lance Stroll 12° e Sergey Sirotkin 14°.

FORCE INDIA

11 | SERGIO PEREZ


"Non sono granché contento della mia gara. L’incidente all’inizio ha compromesso la mia domenica. Mi sono ritrovato a perdere il retrotreno nel tentativo di evitare gli incidenti; mi sono girato e improvvisamente sono finito in fondo al gruppo. Da lì in poi, però, la nostra gara è stata consistente. Abbiamo avuto un buon passo e superato molte macchine, sfruttando al massimo le varie safety car, riuscendo infine a rientrare nei punti. A due giri dal termine, Gasly mi ha spinto fuori pista, nonostante gli abbia dato abbastanza spazio. Ci siamo toccati e ho perso la posizione, una manovra non proprio corretta. Sono contento che la FIA sia intervenuta dopo la gara per penalizzare Gasly, restituendomi così l’ultimo punto. Ora voglio solo riposate dopo questi tre GP consecutivi. Analizzeremo queste gare e torneremo forti per la Germania".

31 | ESTEBAN OCON


"Sono davvero contento del risultato oggi (ieri, ndr). E' stata una gara complicata, difficile. Questo 7° posto rappresenta di certo un buon bottino di punti. La safety car non ha reso le cose facili, perché le gomme erano fredde ai vari restart e non è stato facile tenere Fernando e Kevin dietro di me negli ultimi giri. C'è stata davvero una gran bagarre fino all'ultimo, e mi sento davvero stanco. La macchina sta migliorando e stiamo correndo bene, quindi devo dire ‘grazie’ alla squadra per tutto il loro duro lavoro. E' stato importante aggiungere questo risultato a quanto di buono avevamo già ottenuto la scorsa settimana in Austria. Noi dobbiamo continuare a spingere, e i risultati stanno arrivando".

WILLIAMS

18 | LANCE STROLL


"La lotta non è mancata, soprattutto all'inizio con Sergey, partito davanti a me dai box. Penso di essere stato sfortunato con il momento d'ingresso della prima Safety Car, visto che mi sono fermato ai box giusto il giro prima. La nostra gara sarebbe potuta essere decisamente migliore. Questo è accaduto dopo che ho fatto un buon stint, quindi è un peccato che se avessi fatto un altro giro avrei probabilmente guadagnato un po’ di tempo fermandomi sotto la safety car e, forse, avremmo potuto finire nei punti. Peccato, ma sono cose che succedono. Il resto andava bene e stavamo riuscendo a seguire il gruppo oggi. Negli ultimi giri ho potuto vedere alcune macchine davanti a me, non troppo lontano".

35 | SERGEY SIROTKIN


"È stata una gara molto difficile per me. Il primo stint, però, non sembrava così male visto che, a mio parere, abbiamo avuto una ragionevole gestione degli pneumatici. Non avevamo un buon ritmo, ma almeno era tutto sotto controllo. Poi, abbiamo fatto un pit stop abbastanza in là, con la speranza di avere un buon secondo stint, nei nostri piani più corto e veloce. Ma abbiamo dovuto affrontare alcune bandiere blu e le safety car, e il tutto ci ha messo molto in difficoltà, soprattutto con le gomme. Alla fine mi è rimasta una mescola più dura, mentre tutte le macchine intorno a me avevano una mescola più morbida e calda. E' stata dura essere lì come pilota e correre verso la bandiera a scacchi. Una domenica, in sintesi, molto deludente".

RENAULT

27 | NICO HULKENBERG


"Sono molto felice per com'è andata la gara. Penso che il 6° posto sia stato il massimo risultato che potevamo chiedere qui. Siamo partiti bene e, con un solido primo giro, ci siamo issati fino alla sesta posizione. Ovviamente c’era un po’ di caos in curva due e tre, dove sono riuscito a passare indenne e a guadagnare alcune posizioni. Dopodiché il compito principale è stato quello di gestire le gomme e la gara. La nostra strategia prevedeva un secondo stint con la mescola più dura, più lenta; ma volevamo evitare una seconda sosta. E' stata in assoluto una gara molto consistente da parte nostra, e sono contento degli otto punti conquistati".

55 | CARLOS SAINZ JR.


"Ho fatto una grande partenza, riuscendo a guadagnare sette posizioni e a portarmi dal sedicesimo al nono posto. Dopo il primo pit-stop, però, mi sono ritrovato a perderne alcune. Quando è entrata la Safety Car ci siamo fermati nuovamente, montando la gomma Soft.m Eravamo molto contenti, poiché eravamo tornati in zona punti. Poi c'è stato il contatto con Grosjean. Un peccato che sia finita così. Adesso attendiamo con impazienza Hockenheim".

TORO ROSSO

10 | PIERRE GASLY


"Verso fine gara ho avuto una dura battaglia con Sergio per la decima posizione. Ho visto una possibilità nell’ultima chicane e ci ho provato. E' stata davvero tosta e ci siamo toccati un po’, ma alla fine ero anche riuscito a farcela. Sarebbe stato molto positivo andare via da Silverstone anche solo con un punto, una ricompensa meritata per la squadra, che ha svolto un ottimo lavoro in un fine settimana difficile. Peccato sia poi arrivata una sanzione ridicola. Ogni weekend ci sono contatti tra vari piloti, che non vengono nemmeno indagati. Ma questo è ciò che rende le corse eccitanti. Lasciate che corriamo e fermiamo tutte queste stronzate con le penalità! Ripeto, un vero peccato. L’auto andava bene oggi, e non vedo l’ora di tornare al volante in Germania".

28 | BRENDON HARTLEY


"Non credo nella fortuna o nella superstizione, ma penso sia sicuramente giusto dire che le ultime settimane sono state decisamente sfortunate per me. È stato tutto fuori dal mio controllo questo fine settimana, dalla rottura delle sospensioni ieri nelle PL3 al problema tecnico oggi (ieri, ndr) prima ancora che potessimo iniziare la gara. C'è ben poco da commentare, purtroppo. È deludente e ci vorranno un paio di giorni per rilassarsi e prepararsi per la prossima gara. Ho piena fiducia nel fatto che tutte le persone della Toro Rosso lavoreranno sodo nelle prossime due settimane, come farò io, per migliorare e fare il massimo a Hockenheim".

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.