F1 GP Cina: Hamilton vince a Shanghai su Vettel e Verstappen

L'inglese trionfa, ma la Ferrari c'è. 5° Raikkonen, fuori Giovinazzi di 09 aprile 2017, 09:52 Condividi
F1 | GP Cina: Hamilton vince a Shanghai su Vettel e Verstappen

Lewis Hamilton vince per la quinta volta il Gran Premio della Cina e si riporta in testa in coabitazione con Sebastian Vettel alla classifica iridata, con 43 punti. Il pilota inglese della Mercedes precede proprio il tedesco e Max Verstappen, partito 16° e autore di una splendida rimonta soprattutto nella fase iniziale, con la pista umida. Quarto Daniel Ricciardo davanti a Kimi Raikkonen.

La Cronaca

Sulla griglia di partenza Carlos Sainz, dall'undicesima posizione, tenta l'azzardo: è l'unico dei piloti a partire con gomme SuperSoft, contro le intermedie di tutti gli altri. Durante il giro di ricognizione i piloti si rendono conto che la pista si è già asciugata molto e molti box si preparano per il cambio. Palmer entra subito ai box ancora prima della partenza, mentre Vettel si tiene molto all'interno sulla sua piazzola.

In partenza Vettel parte leggermente attardato bloccando Raikkonen che viene superato da Ricciardo. Hamilton e Vettel tengono le loro posizioni, mentre a metà giro Stroll finisce nella ghiaia con una gomma forata. Verstappen, dal fondo, alla fine del primo giro è già 7° da 16°. Arriva l'investigazione per Vettel per la sua posizione di partenza, mentre la presenza dell'auto di Stroll ferma in ghiaia richiede l'introduzione della VSC.

Hulkenberg, intanto, è tornato ai box per montare le soft alla fine del primo giro. Il replay mostra che è stato Perez a centrare Stroll. Al termine del secondo giro sono diversi i piloti che entrano ai box per montare le slick: tra i big c'è Vettel che esce con le soft. Al termine della VSC restano su intermedie le Mercedes, le Red Bull e Kimi Raikkonen, ma basta pochissimo perché debba entrare la Safety Car vera: Antonio Giovinazzi va a sbattere per la seconda volta in due giorni sul rettilineo iniziale, con le monoposto costrette a passare per la pitlane. Siamo solo al quarto giro. 

Tutti i piloti che montavano ancora le intermedie rientrano ai box per passare alle slick. Dal replay si vede che quello di Giovinazzi è un altro errore: con gomme soft va a perdere la monoposto sull'acqua sul rettilineo. Max Verstappen, intanto, è quarto, mentre Alonso è settimo. Poco prima della ripartenza Bottas si gira da solo perdendo molte posizioni. Si riparte con Hamilton davanti a Ricciardo, Raikkonen, Verstappen e Vettel. Spettacoloso Perez che supera Massa e Kvyat nelle prime due curve.  Verstappen, intanto, prende la terza posizione su Raikkonen che lamenta problemi al motore alla ripartenza. 

9° giro: Hamilton non riesce a scappare dalle Red Bull. I primi cinque sono racchiusi in 4 secondi. Bottas è caduto in 11a posizione. Verstappen, con il DRS abilitato, inizia a farsi vedere dietro il compagno Ricciardo, e all'inizio del decimo giro lo passa in modo fantasatico e si lancia alla rincorsa di Hamilton. Ora, per Ricciardo, ci sono le due Ferrari. Raikkonen fatica ad operare il sorpasso, con Vettel che scalpita alle spalle. Verstappen, intanto, passa all'inizio del 14° giro con 1.7 di ritardo da Hamilton. Fantastico Carlos Sainz che è sesto e si sta avvicinando alle Ferrari, con Kimi che lamenta ancora problemi di motore in uscita dalla curva 12.

Hamilton, intanto, allunga a 3.6 su Verstappen all'inizio del 18° giro, mentre ci sono investigazioni varie per i giri sotto Safety Car: Hulkenberg viene penalizzato di 10 secondi per aver superato, Magnussen è sotto tiro per essere andato troppo lento. Vandoorne, intanto, si ritira. 

20° giro: Mentre Kvyat si ritira, Vettel rompe gli indugi e passa Kimi Raikkonen lanciandosi su Ricciardo. E al 22° giro compie un'autentica magia sull'australiano all'esterno. 

Ora la situazione vede, all'inizio del 25° giro, Hamilton in testa con 7 secondi su Verstappen e quasi 10 su Vettel. Il tedesco si avvicina all'olandese e a metà gara è sotto il secondo di distacco. In fondo al rettilineo Max va lunghissimo regalando la posizione a Vettel, che a questo punto si ritrova secondo dietro Hamilton. Verstappen attende un giro e rientra a cambiare gomme, uscendo dietro Bottas in sesta posizione. 

Passata la metà gara Hamilton comanda su Vettel, Ricciardo e Raikkonen. Bottas è quinto davanti a Verstappen, Alonso, Sainz, Magnussen e Perez. 

In pochi giri Verstappen è alle spalle di Bottas e opera il sorpasso subito sul finlandese riportandosi in quinta posizione. Al 34° giro rientra anche l'altra Red Bull di Ricciardo per montare gomme SuperSoft. Un giro dopo anche Vettel rientra per montare però gomme soft, mentre Alonso dopo una bella lotta con Carlos Sainz rallenta vistosamente fino a fermare la sua Mclaren in pista. 

Al 37° giro è il turno di Hamilton per il suo ultimo pit, subito dopo il compagno Bottas. L'inglese rientra davanti a Raikkonen, in attesa del suo ultimo cambio, e a Vettel. Verstappen e Ricciardo occupano la quarta e quinta posizione. Per Kimi il cambio gomme arriva tardi, perché esce addirittura dietro Carlos Sainz in sesta posizione. Il finlandese riesce a recuperare la quinta al 42° giro, ma le Red Bull ormai sono lontane 13 secondi. Alle spalle della Toro Rosso arriva anche la Mercedes di Bottas, che passa al 45° giro. 

A 9 giri dal termine l'ultima lotta importante è quella per il terzo gradino del podio tra Verstappen e Ricciardo. L'australiano si sta riavvicinando al compagno e gli resta in scia senza però apparentemente riuscire ad arrivare abbastanza sotto per tentare il sorpasso. Il tentativo arriva all'ultimo giro ma Max accenna solo la difesa, quanto basta per mantenere la terza posizione.

La gara termina così, con Hamilton che vince su Vettel e Verstappen. Daniel Ricciardo precede Kimi Raikkonen, Valtteri Bottas e un grande Carlos Sainz, settimo con la Toro Rosso. Ottima anche la gara della Haas, con Magnussen ottavo davanti alle due Force India che vanno a punti con Sergio Perez ed Esteban Ocon. Cinque i ritirati.

Segue il risultato finale.