F1 | GP Canada 2019, qualifiche:  Haas, McLaren, Alfa Romeo

F1
GP Canada 2019, qualifiche: Haas, McLaren, Alfa Romeo

McLaren in top-10, Magnussen a muro. In ritardo Grosjean e i due Alfa Romeo di 09 Giugno 2019, 11:11

Seguono le dichiarazioni dei piloti di Haas, Mclaren e Alfa Romeo dopo le qualifiche di Montreal. Ottimo sabato pomeriggio per la McLaren, che piazza entrambi i piloti in Q3, con Lando Norris 8° (+1.623) e Carlos Sainz Jr. 9° (+3.741). Teoricamente in Q3 anche Kevin Magnussen, ma lo schianto sul finire della Q2 con elevata probabilità lo costringerà a partire dalla pit-lane. Non superano il taglio della Q2 sia Antonio Giovinazzi (13°) che Romain Grosjean (15°), mentre Kimi Raikkonen (17°) è stato addirittura eliminato in Q1.

HAAS

8 | ROMAIN GROSJEAN

"Ancora una volta non sono stato tra i più fortunati. In generale non è stata una giornata semplice per noi. In FP3 abbiamo rotto l'ala posteriore, e ciò ha significato che siamo andati in qualifica senza aver effettuato run con le soft. La Q1 è andata bene, mentre in Q2 abbiamo scelto una strategia aggressiva, con un unico giro veloce per tentativo. Nel primo tentativo, però, ho avuto un bloccaggio in curva 6, non potendo quindi chiudere il giro; nel secondo ho beccato la bandiera rossa. Forse saremmo dovuti essere un pò più prudenti, ma ero contento della nostra strategia. E' un peccato. Non so se saremmo potuti andare in Q3, ma di certo saremmo potuti partire più avanti, e per la gara sarebbe stato meglio".

20 | KEVIN MAGNUSSEN

"Il mio incidente? Ho colpito il muro esterno, rompendo la sospensione posteriore destra; quindi sono stato proiettato contro il muro opposto. Un grosso incidente in definitiva. E un peccato, poiché eravamo molto veloci e stato migliorando ancora, meritando la Q3. Ero al massimo poiché sapevo che il vantaggio sugli altri era poco; un uscita dalla ultima chicane sono andato sul gas un pò troppo presto, e da lì è derivato tutto. Sono molto dispiaciuto per il team e per i ragazzi, che dovranno fare un gran lavoro e che di certo meritano di meglio. Domani (oggi ndr) credo che partiremo dai box".

MCLAREN

4 | LANDO NORRIS

"Rispetto alle libere, queste qualifiche per me sono state decisamente positive. E' vero che il mio tentativo in Q3 non è stato eccezionale, ma partire 8° e un buon risultato e mi permette di guardare con ottimismo alla gara. Montreal è una pista divertente ma difficile, dove acquisti confidenza con il passare dei giri. Rispetto a venerdì, dove ero molto lontano da Carlos, avevo bisogno di ribaltare la situazione, e ci sono riuscito nelle FP3, per cui sono molto soddisfatto. Le Renault? Oggi (ieri ndr) erano molto veloci e non abbiamo potuto fare di meglio".

55 | CARLOS SAINZ

"In generale, possiamo dirci soddisfatti di aver portato entrambe le macchine in Q3, uno dei nostri obiettivi del weekend. Però, nel mio tentativo nell'ultima fase di qualifica, ho commesso un errore che mi ha costretto ad abortire il giro. E' un peccato e mi dispiace per il team; volevo piazzare la macchina il più in alto possibile in griglia, ma cose del genere possono accadere quando vai al limite. Poi c'è la penalità, che mi impedirà di partire dalla piazzola conquistata in qualifica. Ciò è deludente, ma credo che abbiamo le carte in regola per fare bene e portare a casa dei punti. Abbiamo un buon passo, la pista mi piace e non vedo l'ora di correre in gara".

ALFA ROMEO

7 | KIMI RAIKKONEN

"Abbiamo completato due tentativi nella prima manche, ma non siamo stati abbastanza veloci. La pista era scivolosa, ma questa non è una scusa, perché tutti si trovavano nella medesima situazione. È vero che le FP3 erano andate meglio, ma le libere sono libere e la qualifica è qualifica. Sono due cose diverse".

99 | ANTONIO GIOVINAZZI

"Non sappiamo sinceramente dove ci saremmo posizionati senza la bandiera rossa, ma va bene così. Rispetto alle FP3, in qualifica siamo migliorati molto, capendo un bel pò di cose. Domani (oggi ndr) dovrei partire 12°, quindi vicino la zona punti; questo può essere un vantaggio. Sicuramente ci aspettavamo qualcosina di meglio qui in Canada, ma la finestra di funzionamento delle gomme è così stretta che basta sbagliare qualcosa e perdi diverse posizioni, dato che siamo tutti molto vicini. Dobbiamo cercare di fare ancora di più ed essere più avanti".

Condividi