F1 GP Belgio: Hamilton Pole, Schumi eguagliato a quota 68

L'inglese domina le qualifiche e si commuove per il record raggiunto di 26 agosto 2017, 15:20 Condividi
F1 | GP Belgio: Hamilton Pole, Schumi eguagliato a quota 68

Il giorno storico è arrivato: Lewis Hamilton è il Poleman del Gran Premio del Belgio 2017 e sulla pista che ha dato l'esordio e la prima vittoria a Michael Schumacher eguaglia il record di pole position del tedesco ottenendo la 68a partenza al palo. L'inglese, sceso dalla sua Mercedes, riceve per voce di Ross Brawn i complimenti della famiglia Schumacher e si commuove.

Lewis è autore di una qualifica fantastica condita dal record della pista, con il solo Sebastian Vettel che all'ultimissimo tentativo riesce a rimediare ad un sabato leggermente in ombra, con un giro fantastico e la prima fila conquistata. In seconda fila i relativi compagni di squadra finlandesi, con Bottas davanti ad un Raikkonen con problemi di vibrazioni lamentati per tutta l'ora. Red Bull in terza fila con Verstappen e Ricciardo.

CRONACA

È subito Lewis Hamilton a lanciarsi in Q1 con le gomme supersoft, seguito dal compagno Bottas e dalle due Force India con le soft. La Ferrari copia la Mercedes con le Williams che invece vanno su ultrasoft. 1.44.316 è il tempo dell'inglese della Mercedes, che lascia Bottas a 4 decimi. La risposta della Ferrari arriva con Vettel che si porta in testa con soli 41 millesimi di vantaggio. Raikkonen è terzo ma lamenta problemi al posteriore della Ferrari. Bottas resta quarto. Hamilton migliora riportandosi in testa per un decimo, con Verstappen che si mette tra le due Ferrari con le ultrasoft. Dietro Ricciardo, sesto, le coppie Force India e Mclaren. Il fondo classifica vede Haas, Williams e Toro Rosso rischiare l'esclusione dalla prima sessione di qualifica insieme alle Sauber. Alla fine, oltre a Wehrlein ed Ericsson, restano esclusi Stroll, Massa e Kvyat.

Hamilton replica uscendo per primo in Q2. Questa volta tutti i big escono con gomme ultrasoft. I primi tempi mostrano ancora la Mercedes davanti a tutti con Hamilton, che sfodera un fantastico 1:43.539. Dietro di lui Raikkonen a un decimo e mezzo, Bottas a quasi tre, poi Verstappen, Vettel e Ricciardo. Molto buono il primo tempo di Alonso, che si issa appena dietro le sei big prima di essere sopravanzato dalle Force India ma soprattutto da Jolyon Palmer, che si porta in settima posizione con Hulkenberg 11°. A cinque minuti dal termine l'accesso alla Q3 vede in lizza le due Mclaren, Hulkenberg, le due Haas e Carlos Sainz. In Mclaren optano per la seconda volta per un gioco di scia con Vandoorne che tira la scia a Fernando Alonso. Hamilton e Bottas, intanto, migliorano i loro tempi: l'inglese scende a 1:42.927 con il compagno a tre decimi. Dietro, Alonso deve abortire il suo giro per il solito "no power" e viene anche scavalcato ed escluso dalla Q2, insieme al compagno, Sainz ed entrambe le Haas. 

Vanno in Q3 quindi le due Mercedes, le due Ferrari, le due Red Bull, le due Force India e le due Renault. 

In Q3 è Kimi Raikkonen a scendere in pista per primo, davanti a Hamilton, Vettel e Bottas. I big partono con Palmer, dietro di loro, che si ferma con il cambio arrosto. I primi tempi sono già molto indicativi: Hamilton segna 1:42.907, Raikkonen è secondo ad oltre tre decimi e mezzo, Bottas segue a quattro e mezzo e Vettel è quarto a mezzo secondo, con le due Red Bull in terza fila virtuale. 

Si esce per gli ultimi tentativi: Hamilton scende ancora a 1:42.553 con Bottas che lima a mezzo secondo. Il tempone però lo fa Sebastian Vettel che all'ultimo tentativo si porta in prima fila a 2 decimi e mezzo. Bottas è terzo affiancato da Raikkonen, con le Red Bull che confermano la terza fila con Verstappen davanti a Ricciardo. Nico Hulkenberg è settimo davanti a Sergio Perez. Quinta fila per Ocon e Palmer che, ovviamente, non ha potuto girare in Q3. 

Seguono i tempi delle qualifiche.

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.