F1 GP Azerbaijan FP2: Ricciardo in testa su Raikkonen e su Verstappen

Le due vetture di Milton Keynes chiudono nel panino la Ferrari #7. Mercedes subito dietro, Vettel 11° di 27 aprile 2018, 17:45 Condividi
F1 | GP Azerbaijan FP2: Ricciardo in testa su Raikkonen e su Verstappen

È del vincitore dell’ultimo Gran Premio di Cina la prima posizione nella seconda sessione libera del venerdì: Daniel Ricciardo, dopo esser stato battuto da Bottas per appena 35 millesimi stamani, riesce a rifilare quasi il doppio del distacco al primo inseguitore Kimi Raikkonen su Ferrari. Il tempo fatto dall’australiano, 1:42.795, è di un secondo e mezzo più rapido di quello fatto da lui stesso al mattino; miglioramento dovuto a una differenza di temperature sulla pista, ma anche all’utilizzo delle UltraSoft, lasciate in panchina dal #3 nella FP1. Come al solito, le forti frenati di Baku hanno messo a dura prova freni e gomme, e anche Ricciardo non è stato esente da bloccaggi in frenata.

In seconda posizione, come detto, Kimi a soli 69 millesimi di secondo. Nettissimo il passo avanti del finlandese rispetto alla FP1, balzando avanti di ben tredici posizioni grazie anche a una diminuzione del carburante a bordo nei giri veloci, per simulare una prova di qualifica. Al contrario di Ricciardo e del terzo classificato Max Verstappen, Raikkonen non ha ancora utilizzato nemmeno un set di SuperSoft, che potrebbe così rivelarsi la copertura ideale per le Rosse di Maranello per puntare alla vittoria. Verstappen, terzo, chiude il “panino” Red Bull staccato solo di poco più di un decimo. Come per l’anno scorso quindi, i primi sono tutti molto vicini.

Un po’ più a distanza il duo Mercedes con Bottas ancora davanti a Hamilton. Valtteri ha perso la top tre a favore del connazionale e delle due Red Bull, ma ha saputo anche lui migliorarsi sul crono di sette decimi, rispetto alla prima prova libera. A 0.8 dalla vetta il campione del mondo Lewis Hamilton, rimasto in top five e con un miglioramento di un secondo e sei sul tempo di riferimento fatto alla mattina. L’ultimo dei top rider, il leader del mondiale Sebastian Vettel, se la passa invece diversamente avendo perso l’entrata nei primi dieci. Alla fine della FP2 il tedesco è 11°, ma c’è di positivo che Seb ha segnato il maggior numero di giri tra i piloti, battuto solo da Gasly (38), e che il suo distacco si è quasi dimezzato dalla vetta (da 2.2 a 1.3). Se la Ferrari #5 sta nascondendo le proprie carte, anche Vettel sarà pienamente della partita.

In sesta posizione il ruggito di Fernando Alonso: l’asturiano su McLaren ha compiuto 34 preziosi giri per dare ulteriori dettagli alla coppia McLaren-Renault, girando con tre set di SuperSoft e altri tre di UltraSoft. Rimanendo nel team di Woking, continua a faticare il belga Vandoorne, ancora in penultima posizione sulla seconda McLaren, a due secondi e mezzo da Ricciardo. La Force India, dopo l’exploit di Perez in FP1, è tornata nei suoi “ranghi”, con Ocon settimo e Perez 12°. Entrambi hanno usato solo due set di UltraSoft e due di Soft, quindi sono dei potenziali candidati per essere i primi dopo i big. Toro Rosso che ha il maggior numero di giri per un pilota grazie ai 39 di Gasly, dimostrando come l’affidabilità non sia più un cruccio assoluto della P.U. Honda; il francese è 15°, Hartley dopo 36 passaggi è 18°.

Qui i risultati di questa FP2:

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.