F1 Ecclestone: "Che la F1 diventi elettrica!"

Dopo anni di critiche alle PU ibride, il dietrofront dell'ex Boss del Circus
F1 | Ecclestone:
di 25 febbraio 2018, 17:25

Bernie Ecclestone, dopo il passaggio di consegne con gli americani di Liberty Media, è fuori dal Circus da poco più di un anno. Da allora, però, l'87enne nativo di Ipswich non ha fatto mancare varie dichiarazioni, spesso al veleno, riferite in primis a Carey e compagnia, rei di averlo voluto far fuori in toto dalla scena, in modo da tagliare completamente i ponti con un passato ingombrante, lungo oltre 40 anni.

Ma il miliardario britannico non ha mai lesinato bordate, anche molto pesanti, alla Federazione Internazionale e ai costruttori, per aver accantonato i propulsori aspirati in favore di quelli ibridi, considerati da Ecclestone troppo costosi e una delle cause principali della crisi della Formula 1, oltre a guardare sempre con distacco alla Formula E.

Stando però ad un'intervista rilasciata nei giorni scorsi al Guardian, pare che Mr. E abbia cambiato completamente idea. "La Formula 1 deve rompere con il passato e cambiare radicalmente, abbracciando un futuro full-electric" - spiega provocatoriamente Ecclestone - "La denominazione 'Formula 1' sarà ancora valida, abbiamo ancora i contratti con i promotori. Costruiamo monoposto diverse, parliamo con i costruttori e diamo il via ad una Formula 1 totalmente elettrica, una Formula 1 per il futuro".

Secondo Ecclestone fondamentale sarà il 2021, quando entrerà in vigore il nuovo regolamento sui propulsori. Le indiscrezioni attuali parlano di power unit ancora imperniate sull'ibrido, ma per Ecclestone c'è il tempo per virare sull'elettrico al 100%, proponendo anche di non pagare i costruttori per partecipare al campionato, "questo perché ottengono una gran pubblicità a livello planetario".

"Si potrebbero realizzare monoposto come quelle attuali, con l’unica differenza che riguarderebbe la mancanza del rumore. Ma non credo sia impossibile pensare a qualcosa per riprodurre il sound delle vecchie Formula 1" - ha sottolineato Ecclestone - "Potremmo chiamarla Super Formula E, se vi piace di più. Liberty Media dovrebbe avere gli attributi per farlo oggi. Anzi, credo che alla fine dovranno farlo".

Ecclestone, quindi, tocca il tasto delle recenti minacce di addio della Ferrari, per bocca del presidente Sergio Marchionne, ammonendo ancora una volta Liberty Media a non sottovalutare le parole del manager italo-canadese. "La Formula 1 è la Ferrari, e la Ferrari è la Formula 1. E io non sopporterei di vedere una Formula 1 senza Ferrari" - ha detto l'ex Boss del Circus - "Sergio non è uno che parla a vanvera. Se dice una cosa, allora vuol dire che potrebbe farla. Se un giorno la Ferrari decidesse di lasciare e di dar vita ad una serie 'ribelle', non sarebbero in pochi a seguirla".

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.