F1 Diramato il calendario provvisorio 2019

Nessuna novità significativa. Gran finale il 1°dicembre
F1 | Diramato il calendario provvisorio 2019
di 31 agosto 2018, 14:53

In occasione del Gran Premio d'Italia a Monza è stata diramata la prima versione del calendario 2019 per quanto riguarda la F1. 21 gare senza cambiamenti significativi rispetto a quest'anno, invariate tutte le sedi di gara e anche il posizionamento in calendario, eccezion fatta per l'inversione tra i Gran Premi di Stati Uniti e Messico. 

L'avvio della stagione è stato anticipato di una settimana, con il Gran Premio d'Australia a Melbourne che si terrà il 17 marzo. Dopo due settimane si gareggerà in Bahrain, in notturna come ormai consuetudine dal 2014. 

Quello che andrà in scena il 14 aprile a Shanghai, in Cina, sarà un Gran Premio molto particolare. In quell'occasione infatti verrà celebrata la gara numero 1000 nella storia del mondiale di F1. Perplessità, ovviamente, sulla location a cui è "toccata" questa ricorrenza, ma lo sviluppo attuale del calendario iridato non ha consentito molte alternative. 

Nell'ultimo weekend di aprile si tornerà in Europa, con il Gran Premio d'Azerbaijan a Baku, confermato anche per il 2019 nonostante l'alone di dubbio ormai costante che aleggia sulla corsa azera sin dalla sua nascita. Poi le consuete prove nel vecchio continente: Spagna, Monaco, Francia, Austria, Gran Bretagna, Germania, Ungheria, Belgio e Italia. Confermato anche il Gran Premio del Canada, tra Montecarlo e Le Castellet, mentre dopo l'esperimento di quest'anno si è deciso di non ripetere più il triplo weekend tra Le Castellet, Spielberg e Silverstone: i Gran Premi di Francia e Austria resteranno consecutivi, ma tra il Red Bull-Ring e lo storico appuntamento britannico ci sarà una settimana di stop. Posticipati di una settimana i Gran Premi di Belgio e Italia, la pausa estiva resta comunque invariata poiché anche il Gran Premio d'Ungheria è stato spostato al 4 agosto. 

Dopo Monza, il Circus disputerà il suo secondo Gran Premio notturno a Singapore. Una sola settimana dopo Marina Bay si correrà l'ultima gara europea della stagione, nel Parco Olimpico di Sochi in Russia. Con il mese di ottobre inizierà il lungo viaggio dei Gran Premi extraeuropei: si comincia a Suzuka in Giappone, poi Città del Messico che mantiene la sua collocazione temporale ma si disputerà prima di Austin. In Texas si gareggerà infatti il 3 novembre, due settimane prima del Brasile a Interlagos. Il gran finale resterà nella cornice di Yas Marina ad Abu Dhabi, nell'inedita data del 1°dicembre: era dal Gran Premio del Sudafrica del 1963 che il mondiale non gareggiava nell'ultimo mese dell'anno, segno di un calendario che va dilatandosi sempre di più essendo ormai diluito in quasi nove mesi.

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.