F1 Dal 2019 Pirelli renderà più semplice l'identificazione degli pneumatici

Sparisce "l'arcobaleno": si utilizzeranno solo il rosso il giallo e il bianco
F1 | Dal 2019 Pirelli renderà più semplice l'identificazione degli pneumatici
di 20 ottobre 2018, 12:33

Nel 2019 la Pirelli effettuerà una profonda semplificazione dei propri pneumatici dal punto di vista visivo. A partire dal prossimo anno verranno utilizzati solamente tre colori e tre nomi per designare le diverse mescole che verranno portate ad ogni Gran Premio: gli pneumatici più morbidi saranno identificati dalla banda rossa, quelli più duri dalla banda bianca mentre quelli con la mescola media saranno colorati in giallo.

Gli pneumatici saranno quindi chiamati ad ogni gara con nomi più intuitivi rispetto ad ora, evitando così situazioni paradossali come quelle di Montecarlo dove una mescola denominata "supersoft" era la più dura tra le tre a disposizione.

Naturalmente le mescole effettivamente impiegate nel corso dell'anno saranno molte più di 3 per venire incontro alle differenti esigenze cui si andrà incontro nei vari circuiti del Mondiale, ma ancora non si sa quante saranno: la gamma del 2018 ne prevedeva ben sette, ma due di queste (le hard e le superhard) hanno avuto un utilizzo limitato o nullo durante questo campionato. Ulteriori dettagli in tal senso verranno diffusi solamente a dicembre dopo l'omologazione da parte della FIA.

Al fine di chiarire quali gomme verranno effettivamente portate su ciascuna pista, prima di ogni Gran Premio la Pirelli comunicherà quali saranno le tre differenti specifiche associate alle tre colorazioni; tuttavia durante il resto del weekend ci si riferirà ad esse semplicemente con i nomi di "Soft", "Medium" e "Hard".

Non sono previste modifiche in merito alle coperture da bagnato: gli pneumatici per condizioni intermedie e per bagnato estremo manterranno rispettivamente il colore verde e il blu.

Mario Isola, responsabile Car Racing – “Abbiamo parlato a lungo di questo argomento con i Team, FIA e Formula 1. L’idea alla base di questo cambiamento è quella di rendere più facilmente riconoscibili le gomme, anche a livello televisivo, pur indicando chiaramente quali specifiche mescole saranno utilizzate a ogni gara”.

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.