F1 Brawn lancia l'allarme: "Dobbiamo risolvere il problema dei sorpassi"

La gara d'apertura di Melbourne ha riacceso il dibattito sulla carenza di sorpassi in pista di 27 marzo 2018, 13:05 Condividi
F1 | Brawn lancia l'allarme:

Il Gran Premio d'Australia, prova d'apertura del Mondiale di Formula 1 2018, è già agli archivi ma non smette di far discutere. Sin dall'immediato post-gara, uno dei temi più dibattuti è stato quello delle grosse difficoltà di chi segue ad attaccare e superare chi precede. Cinque sono state le manovre contate a Melbourne (partenza esclusa ovviamente), in un circuito come l'Albert Park che, nonostante le tre zone DRS, si conferma notoriamente ostico sotto questo punto di vista.

Durante la gara abbiamo assistito a vari inseguimenti infruttuosi. Su tutti, quello di Lewis Hamilton al vincitore Sebastian Vettel, che ha respinto oseremmo dire quasi con facilità la Mercedes, nonostante oltre 20 giri di assedio; senza dimenticare i confronti tra Raikkonen e Ricciardo oppure Alonso contro Verstappen (il quale, a dire il vero, aveva la monoposto danneggiata); nelle prime fasi, le Haas contro le Red Bull e Bottas contro Perez. Tutte situazioni nelle quali il pilota che inseguiva ha avuto grosse difficoltà non solo ad azzardare un attacco, ma anche a seguire l'avversario.

A lamentarsi maggiormente di questa situazione sono stati proprio Lewis Hamilton e Max Verstappen. "Era come trovarsi a Monaco dove, pur se sei un secondo, un secondo e mezzo più veloce di chi ti precede, non puoi superare" - spiega l'olandese - "Fossi stato uno spettatore, sinceramente avrei spento la TV. Non credo che il problema sia il tracciato di Melbourne, ma le monoposto. In passato, non era certo un problema superare qui a Melbourne".

Usa una metafora il britannico: "Probabilmente in Bahrain sarà diverso, ma qui mi sono sentito come se mia madre o il mio migliore amico si fossero trovati sul bordo di una scogliera e, nonostante facessi di tutto per raggiungerli, non riuscivo a farlo". Sull'argomento, si è espresso (ancora una volta) Ross Brawn, spiegando come la Formula 1 debba fare di tutto per risolvere questo 'annoso' problema.

"In Australia è mancato un ingrediente vitale della Formula 1 e del Motorsport, vale a dire il sorpasso. Ce ne sono stati troppo pochi" - ha commentato Brawn a Motorsport.com - "Bisogna fare in modo che le vetture siano in grado di avvicinarsi l'una all'altra e che possano battagliare ruota a ruota. Al momento attuale, quando due monoposto sono abbastanza vicine, diventa quasi impossibile per chi segue avvicinarsi al punto tale da poter provare ad attaccare. Lo abbiamo visto in più occasioni in questa gara d'apertura. Nonostante per la prima volta ci fossero tre zone DRS, ci siamo persi molte chance di ammirare dei duelli ruota a ruota".

"Per fare progressi concreti, dobbiamo adottare un approccio strutturato al problema. E' un nostro obiettivo per il 2021 avere monoposto che consentano ai piloti di duellare in pista" - prosegue Brawn - "Per perseguirlo, FIA e F1 hanno intrapreso un programma di ricerca aerodinamica, usando due modelli di auto, lavorando in galleria del vento ed utilizzando il CFD. Abbiamo bisogno di un design che, da un lato, si mantenga vicino al livello di prestazioni attuale; ma che, dall'altro, consenta i duelli ruota a ruota".

"I fan vogliono assistere ad uno spettacolo migliore, e i sorpassi sono l'elemento più emozionante e spettacolare che si può avere in pista. L'intera comunità della Formula 1 deve sforzarsi di soddisfare questa esigenza, perché i fan sono la nostra maggiore risorsa", ha concluso l'ingegnere britannico.

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.