ALTRI MOTORI ELMS Spa-Francorchamps: G-Drive Racing in pole grazie a Vergne

Prima pole stagionale per i leader della classifica, Cairoli davanti a tutti in GTE
ELMS Spa-Francorchamps: G-Drive Racing in pole grazie a Vergne
di 22 settembre 2018, 14:37

Nessuno sembra in grado di arrestare la marcia del team G-Drive nell'ELMS: dopo tre vittorie consecutive, a Spa-Francorchamps è arrivata anche la prima pole della stagione 2018 grazie al solito Jean-Éric Vergne, che con il tempo di 2:00.735 ottenuto proprio sotto la bandiera a scacchi ha beffato Filipe Albuquerque e il team United Autosports, che con la Ligier hanno colto una prima fila a sorpresa. Ad Andréa Pizzitola e Roman Rusinov, che a differenza di Vergne hanno disputato tutte le gare di questa stagione, domani basterà un podio con la Racing Engineering vincitrice per conquistare il titolo prima del round finale di Portimão. 

Il team United Autosports ha ottenuto un risultato piuttosto impronosticabile con il secondo posto della #22, a 177 dalla pole, un giro ancora più interessante se si considera che la seconda Ligier, la gemella #32 del team di Zak Brown, è rimasta a quasi un secondo e mezzo con Hugo de Sadeleer. Terza posizione per Nelson Panciatici con l'Oreca del team Duqueine, a mezzo secondo da Vergne, mentre al quarto posto si è classificato Paul-Loup Chatin con la 07 #28 della Idec Sport.

Anche oggi non ha brillato il team Racing Engineering, con Norman Nato che non è andato oltre il sesto posto. Buona prestazione anche sul giro secco anche per la vettura del team Algarve-Rebellion con Gustavo Menezes, quinto assoluto. Settima la DragonSpeed, con un Ben Hanley meno brillante rispetto alle super prestazioni sfoderate a Silverstone.

Ottava piazza per la migliore delle Dallara, quella del team AVF con Kostantin Tereshchenko, mentre la P217 del team Villorba non è andata oltre l'11° posto con Felipe Nasr, davanti alla #49 del team High Class Racing con Anders Fjordbach.

Pole numero tre, nella classe LMP3, per la Norma #17 del team Ultimate, ancora una volta capoclassifica grazie a Matthieu Lahaye in 2:13.624. Sui 7004 metri di Spa-Francorchamps, solo 65 millesimi hanno separato il francese e Mattia Drudi, che ancora una volta ha ottenuto una prestazione competitiva con la vettura #11 della Eurointernational. Da questo weekend, il figlio d'arte è stato spostato proprio sulla vettura #11 per aiutare Giorgio Mondini e Kay van Berlo nella lotta per il titolo e al momento ha svolto alla grande il suo lavoro. Terzo posto per Ross Kaiser sulla vettura della 360 Racing, mentre al quarto ha chiuso Colin Noble per il team Ecosse. Solo quinta la RLR Motorsport leader del campionato, con Job van Uitert al volante della Ligier, mentre la United Autosports #3 non è andata oltre una decima posizione.

Tra le vetture GTE, Matteo Cairoli ha conquistato la seconda partenza stagionale dal palo dopo quella di Le Castellet. Nessuno ha tenuto il passo del giovane italiano della Porsche, ancora alla guida della #88 del team Proton, che ha rifilato sette decimi esatti al compagno di marca Dennis Olsen, alla guida della #77 gestita dalla stessa scuderia. La tripletta Porsche è stata conclusa da Riccardo Pera, con la 911 della Ebimotors, mentre le Ferrari si sono accodate con la #66 della JMW Motorsport in quarta piazza, la #55 della Spirit of Race in quinta e la #83 del team Krohn in sesta ed ultima.

Alle 12:30 di domani prenderà il via la 4h di Spa-Francorchamps, potenzialmente decisiva per il campionato della categoria regina.

Classifica

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.