Alessandro Secchi

SEVEN Barcellona Day 1: bienvenido a Siberia!

Freddo, vento, Halo ed ore di puro godimento di 27 febbraio 2018, 00:50 Condividi
Barcellona Day 1: bienvenido a Siberia!

Organizzi per andare a Barcellona, pensi di poter fuggire all'imponente e funesto Burian, e ti trovi la neve anche in Spagna. Questo e molto altro nella prima giornata di test che hanno visto le F1 2018 muovere i primi chilometri qui al Circuit de Catalunya.

Ma andiamo con ordine. L'immagine di copertina, scattata a Valtteri Bottas da sopra i box, evidenzia l'orrore e raccapriccio di Halo, meglio rinominato in merdHalo non più di cinque minuti prima di iniziare a scrivere questo pezzo, ovvero quando la mezzanotte è già passata. Sì lo so, ho già scritto due volte che sono molto peggio i tre motori a stagione, ma diamo ad Halo quel che è di Halo. Visto dal vivo, siore e siori, fa veramente cagare, e perdonatemi il "veramente". 

Tra i tanti difetti già elencati, non avevo infatti considerato un altro elemento nella questione, più d'immagine che altro. Queste monoposto non si possono fotografare. Nel senso che dopo aver scremato metà degli scatti perché non sono buoni, di quella che resta ne devi scartare un'altra metà ancora perché il casco non si vede. E mi fa sorridere vedere Bottas, Alonso, Sainz con caschi tutti nuovi quando li potranno notare solo loro. Fossero stati lasciati grezzi, poi. Ma no... mettiamolo in bella vista. Bianco (Williams e Sauber), rosso (Ferrari) e non poteva ovviamente mancare il rosa della Force India. Tralasciamo le manovre circensi che i piloti devono effettuare per scendere e salire dalle monoposto. Mi sembra tutto davvero assurdo.

Capitolo test: l'unico vero problema di giornata è stato quello di Alonso ad inizio mattino con la ruota posteriore. La Mclaren ha perso gran parte del mattino mentre, ironicamente, la Toro Rosso motorizzata Honda ha inanellato giri su giri con la PU giappo che non ha dato alcun segno di cedimento. Mantiene, in ogni caso, quel sound da "mi sto per rompere da un momento all'altro", ma oggi non si è visto niente di tutto questo. In generale, nessuno ha avuto la benché minima noia tecnica, soprattutto al mattino quando si è potuto girare con regolarità. Credo sia la prima volta in questi ultimi anni che il primo giorno di test va via così liscio in termini di affidabilità.

Nel pomeriggio, come tra l'altro era già stato ampiamente annunciato, è arrivata una bella perturbazione di proporzioni importanti. Il clima a tratti mite del mattino, con qualche raggio di sole a scaldare le mani, ha lasciato il posto a vento gelido e successivamente pioggia, che ha limitato considerevolmente le azioni in pista. 

Per quel poco che si è visto, considerato che l'asfalto è arrivato a soli cinque gradi rendendo inutile qualsiasi tentativo di far lavorare bene le gomme, la Ferrari in ingresso della curva Caixa non è sembrata male. Ma è una piccolissima impressione che potrebbe cambiare già domani, quindi non prendetela assolutamente come una sentenza.

Questa sera, come se non bastasse, è arrivata anche la neve. Per domani, o meglio tra qualche ora, dovrebbe essere tutto ok, ma dato che per mercoledì è previsto un ulteriore peggioramento delle condizioni, pare che i team abbiano chiesto di spostare la giornata a venerdì. Scopriremo di più domani.

Il post sessione è stato croccante, come ama dire il nostro Ettori. Grazie ad una gentilezza, io ed i miei compagni di viaggio abbiamo potuto assistere alle operazioni di controllo e smontaggio completo vettura (e ripeto, completo) direttamente da uno dei dieci box, a pochi passi dalla monoposto. Ne siamo usciti alle 21 passate, infreddoliti e con le ginocchia a pezzi ma con i cuoricini negli occhi. Una cosa mai vista e difficilmente dimenticabile. 

Ci riaggiorniamo domani, vado a nanna che sono a 22 ore consecutive di sveglia.

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.