Appuntamento sulle rive del Santerno per Andrea Cola

KOLO9TY9
Appuntamento sulle rive del Santerno per Andrea Cola

Nuovo confronto a Imola per le monoposto con motori 2.0 in lizza per i campionati italiano, tedesco, austriaco. di 20 Giugno 2019, 10:00

Nel weekend del 21-23 Giugno il circuito di Imola ospita il quarto appuntamento europeo delle monoposto con motore fino a 2.000 cc di cilindrata. Dopo le gare di Monza, Hungaroring e Red Bull Ring (che ha visto al via presenza-record di 40 concorrenti!) i piloti sono attesi sul circuito del Santerno per una gara che mette in palio punti per tre differenti serie continentali: l’italiano TopJet F2000 Trophy, il tedesco Drexler AFR Pokale e l’austriaco AMF F3.

Ancora una volta la lotta per il successo si annuncia apertissima con Riccardo Perego (Dallara 308 Fiat) e Antoine Bottiroli (Dallara 312 Mercedes F3) attualmente primo e secondo nella classifica provvisoria della serie tricolore che si spartiscono i favori del pronostico. Senza dimenticare ovviamente lo svizzero Sandro Zeller (Dallara 308 Mercedes F3), il ceco Tom Beckhauser (Dallara F308 Opel) e l’italiano Paolo Branjak (Dallara 318 VW) che corre nella classe a sé in quanto il suo propulsore utilizza un restrittore da 28 mm che lo rende più potente delle monoposto F.3 meno recenti (da 26 mm).

Tutti dovranno vedersela però con il nostro Andrea Cola, il ventenne pilota romano che nelle ultime due stagioni ha monopolizzato la categoria portandosi a casa ben 5 dei titoli europei in palio. «Sono molto soddisfatto del mio nuovo motore VW, anche se ancora devo prenderci confidenza. Per vari motivi non vedo l’ora che inizi il weekend di Imola. Innanzitutto perché quello di Imola è l’unico podio su cui non sono ancora mai salito e poi perché il circuito è bellissimo, con curve emozionanti e continui saliscendi, molto, molto tecnico.
Sinceramente mi chiedo perché la F.1 abbia preferito fare i GP a Monza e non ad Imola. Amo guidare in quella pista e la voglio ammirare dal podio: spero di farlo dal gradino più alto!». Alle sue spalle c’è la solita squadra collaudata e consolidata, il team Monolite Racing, che lo ha seguito fino dagli inizi, la fedele Dallara 312 equipaggiata con un nuovo 4 cilindri Volkswagen-Spiess e pneumatici Pirelli PZero.

Inaugurato nel 1953 l’autodromo di Imola - uno dei pochi dove si corre in senso antiorario – è stato intitolato nel 1970 a Dino Ferrari, figlio prematuramente scomparso di Enzo Ferrari – il cui nome, alla sua morte avvenuta nel 1988, è stato affiancato a quello del figlio portando il circuito imolese all'odierna denominazione. Nel 1980 ha ospitato il Gran Premio d'Italia di Formula 1 e in seguito tutte le ventisei edizioni del Gran Premio di San Marino di Formula 1 (dal 1981 al 2006). Nel 2006-2007 l’autodromo è stato oggetto di un profondo lavoro di ristrutturazione che ha portato, tra le altre cose, all'eliminazione della Variante Bassa.

Nel Giugno 2016 Andrea Cola ha esordito a metà campionato in F2 Italian Trophy con una monoposto di Formula Abarth, ottenendo 4 vittorie e 2 secondi posti nelle sole 6 gare alle quali ha partecipato. Quanto basta per chiudere la stagione al secondo posto di categoria e nella classifica under 26. Nel 2017 è passato in Formula 3 con la Dallara F312 motorizzata Mercedes e gommata Pirelli del team Monolite Racing di Rudi Mariotto e ha vinto i campionati FIA-CEZ e AMF F3, titoli che ha riconquistato nel 2018, quando ha fatto il “triplete” aggiudicandosi anche il Campionato Middle European F3. Nel 2017 è risultato in assoluto il pilota più veloce della stagione sul circuito di Vallelunga coprendo un giro in 1’29”226 alla media di 164,817 km/h. Ad Agosto 2018 ha stabilito invece il nuovo giro record assoluto del circuito croato di Rijeka-Grobnik in 1’18”774 (il record precedente resisteva da 30 anni ed era stato stabilito nel 1988 da Keke Rosberg su McLaren-Honda F1 in 1’19”03). A fine stagione Andrea Cola è stato eletto migliore promessa 2019 dell’automobilismo italiano dagli ascoltatori e dai lettori di LiveGP.it, la prima web radio italiana dedicata al mondo dei motori.

Condividi