ALTRI MOTORI 24h di Daytona: Jarvis poleman da record, Ferrari comanda tra le GTD

Cade ufficialmente il record di PJ Jones, Tandy leader in GTLM con Porsche
24h di Daytona: Jarvis poleman da record, Ferrari comanda tra le GTD
di 25 Gennaio 2019, 00:00

Le qualifiche della 24h di Daytona hanno rispettato quasi in toto i pronostici della vigilia. Mazda e Porsche erano le principali candidate alla pole position delle categorie Prototipi e GTLM e sono riuscite a conseguire il primato sul giro secco, mentre nella battaglia tra le GTD è emersa la Ferrari con il miglior crono del team brasiliano Via Italia.

Con il tempo di 1:33.685, Oliver Jarvis ha segnato il nuovo record ufficiale dell'infield di Daytona abbattendo lo storico primato di PJ Jones targato 1993. Il britannico ex-Audi ha preceduto di poco meno di due decimi l'Acura #7 di Ricky Taylor e di quattro decimi il secondo prototipo su base Oreca pilotato da Juan Pablo Montoya. Buona la prova delle vetture gestite da Roger Penske, che esattamente come le Mazda dovranno poi confermare nell'arco delle 24 ore le performance mostrate finora.

Solo un quinto posto per la migliore delle Cadillac, la #31 del team Action Express campionessa statunitense in carica guidata da Felipe Nasr. Il brasiliano ha pagato sette decimi e mezzo dalla pole, collocandosi alle spalle anche della Mazda #55 e davanti a tutte altre DPi-VR, in fila: sesto Jordan Taylor sulla #10 che verrà guidata anche da Fernando Alonso e Kamui Kobayashi, settimo Agustín Canapino per il debuttante team Juncos, poi Tristan Vautier e Stephen Simpson sugli esemplari del team JDC-Miller. Decimo crono per James Allen sulla migliore delle LMP2, l'Oreca del team DragonSpeed.

La pur serrata classe GTLM ha visto prevalere la vettura favorita della vigilia, ossia la Porsche del team CORE Autosport che a Daytona presenta gli storici colori del team Brumos, bianco con strisce rosso-azzurre. 1:42.257 il tempo di Nick Tandy sulla #911, che ha preceduto Jan Magnussen al volante della Corvette #3 di 326 millesimi. Terzo Ryan Briscoe sulla Ford #62, davanti all'unica Ferrari 488 GTE gestita dalla Risi Competizione e guidata da Davide Rigon. Solo settima la BMW #24 che tra sabato e domenica verrà pilotata anche da Alex Zanardi, qualificata da John Edwards.

Tra le GTD è arrivata la pole position per il Cavallino Rampante grazie a Marcos Gomes, pilota proveniente dalle Stock Car brasiliane. La 488 #13 del team Via Italia si è lasciata alle spalle di 67 millesimi la Mercedes del team Riley guidata da Benjamin Keating, mentre al terzo posto ha chiuso la nuova Acura del team Meyer-Shank con Trent Hindman al volante. Quarto e quinto posto per le Lamborghini, con Giacomo Altoè (Ebimotors) più rapido di Rolf Ineichen (Grasser), poi Mathias Lauda con la Ferrari del team Spirit of Race che aveva invece primeggiato nelle libere. 11° crono per Ana Beatriz, che aveva staccato la pole virtuale nel Roar con l'Acura tutta al femminile su cui si alterneranno anche Simona de Silvestro, Katherine Legge e Christina Nielsen.

Sabato alle 20:35 scatterà la 24h di Daytona numero 57, in diretta streaming sul sito di IMSA TV.

Classifica

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.