24 Ore di Le Mans: pole alla Porsche #18, Ferrari seconda tra le GT

24 Ore di Le Mans: pole alla Porsche #18, Ferrari seconda tra le GT
di 12 giugno 2015, 00:48

Nulla di fatto. Anche la terza sessione cronometrata valida per definire la griglia di partenza dell'83esima 24 Ore di Le Mans non ha visto particolari variazioni tra i grandi protagonisti, almeno per quanto riguarda le auto più veloci in pista, le LMP1. Pole position quindi a Romain Dumas, Neel Jani e Marc Lieb, sulla Porsche 919 Hybrid #18, con lo svizzero che ieri sera ha staccato il nuovo record assoluto del Circuit de la Sarthe in 3:16.887, rimasto imbattuto per l'intera giornata di oggi.

Il dominio della Casa di Stoccarda è completato dalle due vetture gemelle piazzatesi in seconda e terza posizione. La #17 partirà seconda, pilotata da Timo Bernhard, Brendon Hartley e Mark Webber, mentre terza sarà la #19 con Earl Bamber, Nicolas Hülkenberg e Nick Tandy.

Decisamente inconcludente l'ultimo assalto portato dall'Audi, con la sola #9 che è riuscita a migliorare il proprio tempo, rimanendo ugualmente in sesta posizione a poco più di un secondo dalla #8 e a quattro decimi dalla #7, grande favorita della vigilia con il trio delle meraviglie composto da Marcel Fässler, André Lotterer e Benoît Tréluyer, già vincitori della gara endurance più prestigiosa al mondo nel 2011, 2012 e 2014. Settima ed ottava posizione per le Toyota, davvero mai in partita durante le qualifiche e attese ad una gara in salita.

Ulteriori miglioramenti per le Nissan GT-R LM ufficiali, con la #22 issatasi fino al dodicesimo tempo assoluto a venti secondi dai poleman. Subito alle sue spalle la #23, mentre la #21 è quindicesima. Risultati deludenti sotto ogni punto di vista, forse frutto di un progetto troppo complesso e anacronistico, con il motore e la trazione anteriori in luogo dei "tradizionali" motori posteriori e quattro ruote motrici di cui dispongono Toyota, Audi e Porsche. Rimangono comunque consistenti miglioramenti sul giro rispetto a ieri sera, dal secondo e due decimi della #23 ai dodici secondi e sei decimi della #21.

Pole position confermata, tra le LMP2, per l'Oreca 05 gestita dal team KCMG e pilotata dai britannici Richard Bradley e Michael Howson e dal francese (ex-Toyota) Nicolas Lapierre. 3:38.032 il loro tempo, nove decimi più veloce rispetto a quello segnato proprio nell'ultima sessione dalla Ligier del team G-Drive di Sam Bird, Julien Canal e Roman Rusinov. Seguono le Gibson della Greaves Motorsport e della Jota Sport, incapaci di migliorarsi rispetto a ieri.

Il forcing di Gianmaria Bruni non è bastato a togliere la gioia della pole tra le GTE-Pro all'Aston Martin #99: saranno quindi Alex MacDowall, Fernando Rees e Richie Stanaway a partire davanti a tutti nelle Gran Turismo (34esimi assoluti), con il tempo di 3:54.928 registrato nella prima sessione. Il 3:55.025 di Bruni porta comunque la Ferrari #51 in seconda piazza: ottimo risultato considerando il passo falso di ieri sera, quando l'equipaggio di punta del Cavallino Rampante si era ritrovato quasi a fondo griglia a causa di un taglio di pista che aveva portato alla cancellazione dei migliori tempi ottenuti, e il fatto che per la giornata odierna era prevista pioggia.

Dominio incontrastato tra le GTE-Am per l'Aston Martin #98 di Paul Dalla Lana, Pedro Lamy e Mathias Lauda, terza assoluta tra le GT. Proprio il portoghese è stato l'autore del giro più veloce in 3:55.102, sempre nella QP1, staccando la Ferrari #83 di un secondo e sei decimi. Proprio in questa categoria si segnala l'incidente che ha portato all'unica bandiera rossa della serata, con la Porsche AAI #67 andata a fuoco sul rettilineo dell'Hunaudières.

Per concludere, nessuna notizia è giunta riguardo le condizioni di Jan Magnussen, che ha demolito la Corvette C7R nel corso della seconda sessione. Molto probabile, ad ogni modo, che per il pilota danese questa Le Mans sia terminata e che la squadra statunitense debba cercare un sostituto. Intanto, la macchina #63 non ha partecipato alla QP3 in quanto troppo danneggiata.

Domani ai piloti verrà concesso un giorno di meritata pausa, prima del grande evento. Sabato alle 9:00 si svolgerà il warm-up, mentre alle 15:00 verrà dato il semaforo verde alla gara. Eurosport trasmetterà ininterrottamente la corsa, alternandosi tra i suoi due canali.

Griglia di partenza:

lemansqual

Foto copertina: twitter.com/porscheraces

Condividi

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non verranno divulgati a terzi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.